I tifosi dell’Atalanta :”Speriamo ve ne andiate…”

Attraverso una nota ufficiale l’Associazione Tifosi Atalantini ha commentato – in maniera caustica – la nascita della Superlega, torneo da 20 partecipanti a livello continentale a cui parteciperanno tre club di Serie A, promotori di questa iniziativa: Juventus, Inter e Milan. In particolare l’Associazione ha auspicato che le tre società possano “giocare la loro Superlega”abbandondando “per sempre la serie A e le coppe europee“.

Superlega, la nota dell’Associazione Tifosi Atalantini

La Superlega, un ristretto numero di squadre che decide di stravolgere il calcio, da sempre basato sui meriti sportivi e sulla competizione: 20 club fondatori, 15 a partecipazione fissa e 5 da scegliersi in base ai risultati conseguiti nella stagione precedente. “I 12 club fondatori hanno una fanbase che supera il miliardo di persone in tutto il mondo ed un palmares di 99 titoli a livello continentale. In questo momento critico ci siamo riuniti per consentire la trasformazione della competizione europea, mettendo il gioco che amiamo su un percorso di sviluppo sostenibile a lungo termine, con un meccanismo di solidarietà fortemente aumentato, garantendo a tifosi ed appassionati un programma di partite che sappia alimentare il loro desiderio di calcio e, al contempo, fornisca un esempio positivo e coinvolgente. Le parole che abbiamo appena letto sono di Andrea Agnelli e sono estratte dal comunicato ufficiale diffuso a margine dell’annuncio della prossima creazione della Superlega. Ronaldo: 31 milioni di euro l’anno. Conte: 12 milioni di euro l’anno. Donnarumma: proposta di 8 milioni di euro lordi anno”.


“Il nostro auspicio? Che la Superlega vada avanti. Avete letto bene, non siamo impazziti di colpo. Auspichiamo che Juventus, Milan ed Inter vadano a giocare la loro Superlega ed abbandonino per sempre la serie A e le coppe europee. Tenetevi la Superlega, i super diritti televisivi, gli stadi moderni, i posti a sedere e lasciateci giocare con i nostri avversari “minori” magari in stadi meno belli ma ancora animati dalla passione per il calcio e non per i soldi.

Ma quanto sarebbe bello se il vostro posto in seria A fosse destinato a piazze come Palermo, Catania, Catanzaro, Lecce, Bari, Avellino, Vicenza, Como, Cremonese, Pisa e via dicendo,piazze che hanno fatto la storia del calcio come passione popolare in Italia. Non è una provocazione, andate avanti, sarebbe stupendo.

COMMENTA L'ARTICOLO