Nicola:”Niente da perdere contro l’Inter”

Davide Nicola ha presentato la sfida contro l’Inter: “Domani giocheremo con il lutto al braccio per la scomparsa di Marino Lombardo, che è valso molto nella storia del Toro. Quando ha vinto la Coppa Italia non ero nemmeno nato, mentre allo scudetto io avevo tre anni. La storia deve darci appigli e valori per la storia da seguire. Servirà giocare da squadra, loro sono una big allenata da un tecnico che stimo moltissimo. E’ difficile che l’Inter lasci dei punti per strada, ma siamo pronti a raccoglierli se sarà così, ci siamo preparati per cercare di creare loro delle preoccupazioni”. Sul Crotone non vuole dire più nulla: “Ne abbiamo già parlato, inutile tornarci sopra. C’erano tante problematiche, questa settimana invece è stata perfetta. Dobbiamo ritrovare ritmo, non abbiamo fatti passi indietro anche se non siamo stati molto precisi”.

A livello di testa, che partita sarà?
“Non c’è niente da perdere, ma è un’opportunità. Non c’è differenza tra Inter, Sassuolo o Real Madrid. Penso solo a domani e alla possibilità di risultare tosti e sfacciati, con voglia di trarre il massimo”.

Sul gruppo: “Dobbiamo ritrovare ritmo, forza dell’allenamento, è quello che ci è mancato,le motivazioni a fare la differenza, dobbiamo allenarci con entusiasmo. Belotti ha fatto solo un allenamento, rientra lui ed esce Rincon per squalifica rispetto a Crotone. Vogliamo riprendere il ritmo che avevamo. Ogni partita deve essere un’opportunità di crescita, imparando a fare entrambe le fasi di gioco perché solo così puoi raggiungere i risultati. Io non faccio differenza tra Inter, Sassuolo o Real Madrid. Penso solo alla partita e alla possibilità di risultare tosti e sfacciati, con voglia di trarre il massimo, anche se l’Inter è una squadra tosta per tutti quanti, cercheremo di avere le giusta fame per affrontarla come si deve, ottenendo il massimo possibile”

Su Sanabria: “E’ pronto, ma nessuno è un salvatore della patria. Tutti sono utili per la squadra, che sia dal 1′ al 60′ o dal 60′ al 90′. I risultati sono la somma del contributo di tutti, non di un giocatore solo o del suo minutaggio”. Su Verdi: “Si è allenato bene come tutti, se sarà chiamato in causa ho grande fiducia in lui. Non mi preoccupo di una fase soltanto, ma sono certo che i giocatori vogliano sfruttare le occasioni. E tutti possono essere utili”. Su Buongiorno: “Ha ampi margini di miglioramento, ha passione e voglia di crescere. Come gli altri che hanno avuto il Covid, è difficile prendere un certo ritmo: lo puoi ritrovare solo con il lavoro quotidiano. Posso contare su di lui”. Sul rinvio di Lazio-Torino: “Non mi compete, io penso solo al mio lavoro”.

COMMENTA L'ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.