Toro-Fiorentina: la pagella granata

Sirigu 5,5: gli arrivano solo due tiri verso la porta, uno colpisce il palo, l’altro va in gol con Ribery. Poteva fare qualcosa in più sulla giocata da fenomeno del francese.

Lyanco 5,5: soffre un po’ nei primi minuti la fisicità di Vlahovic, che lanciato a rete da Ribery colpisce il palo al minuto 9. Nei minuti finali del primo tempo, si becca anche un giallo per reazione proprio sull’attaccante serbo.

dal 75′ Murru sv

Bremer 5,5: non dispiace per la gran parte della gara, ma sul gol della Fiorentina, ha qualche responsabilità, per non aver capito la palla deliziosa di Bonaventura.

Buongiorno 6,5: molto attento e sempre concentrato il giovane classe 1999 della formazione granata. È praticamente il migliore della retroguardia torinista, dimostrando anche una buona personalità, quando è l’ora di spronare i compagni.

Singo 5,5: sbaglia parecchie soluzioni nel primo tempo, dove viene mandato anche a quel paese dai vari Belotti e Zaza. Sì dinamico, ma tanta precisione e a tratti un po’ egoista.

Lukic 6: è uno dei più pericolosi del centrocampo granata, con qualche buon inserimento, vanificato però dalla poca precisione del giocatore serbo.

dal 75′ Baselli sv

Rincon 5: attivo in fase di impostazione e soprattutto di interdizione. Ovviamente le sue caratteristiche non gli consentono di operare al meglio in cabina di regia. Suo l’errore sul gol di Ribery, per un brutto pallone perso.

Linetty 5: si fa vedere poco in mezzo al campo sia in fase difensiva che in quella difensiva, non riuscendo ad incidere dalle parti di Dragowski.

dal 65′ Verdi 6: non entra con la cattiveria da Toro, ne con la qualità che ha, ma non sprigiona quasi mai con continuità. Alla fine, trova l’assist vincente per la rete del pari di Belotti.

Ansaldi 5: tiene bloccato nella ripresa Venuti, ma non appare tanto pericoloso, mettendo pochi cross veramente interessanti.

Zaza 6: è uno dei più pericolosi del Torino, sia in termini di assist-man, che di pericolosità davanti il portiere. Sulla traversa colpita, è un mix di sfortuna e imprecisione.

Belotti 7: duetta discretamente con il partner Zaza, ma si fa pericoloso soltanto una solta volta con un tiro dalla distanza. Furbo sull’espulsione di Milenkovic. Alla fine, evita lui la prima sconfitta stagionale a Nicola.

All. Nicola 6: seconda partita sulla panchina granata, secondo pareggio dopo quello a Benevento. Poteva vincerla, con il surplus di uomini ma è costretto a rinviare il sapore dei tre punti alla prossima giornata

COMMENTA L'ARTICOLO