Graziani:"Sono incazzato con questa società" - IL TORO SIAMO NOI
Graziani:"Sono incazzato con questa società" - IL TORO SIAMO NOI
Graziani:"Sono incazzato con questa società" - IL TORO SIAMO NOI
Graziani:"Sono incazzato con questa società" - IL TORO SIAMO NOI
Graziani:"Sono incazzato con questa società" - IL TORO SIAMO NOI

Graziani:”Sono incazzato con questa società”

Ciccio Graziani non le manda a dire. L’ex bomber della Nazionale campione del mondo non è rimasto in silenzio dopo il brutto incidente che l’ha interessato a inizio settembre. Ciccio si sta ancora riprendendo dopo la caduta e se l’è presa soprattutto con il Torino, squadra di cui ancora oggi viene ricordato come simbolo indiscusso. “Io sono incazzatoto con questa società. Dopo il terribile incidente che ho subito rischiando la vita, il Torino non ha neanche pensato di farmi una telefonata. Una cosa che invece hanno fatto tante società di Serie A dove io non ho neanche giocato. Neanche una chiamata, dal Toro”.

In questi giorni Graziani è tornato a svolgere le sue dirette con pacatezza, ma al di fuori è stato un fiume in piena. Proprio la società che per lui ha rappresentato la parte più importante di vita e di carriera ha finito con l’ignorarlo e Ciccio l’ha rimarcato tra le sue interviste a Tuttosport e Radio Sportiva. 

“Mi ha chiamato anche il presidente della Federcalcio, Gravina. Pure la Fiorentina si è comportata davvero bene, mi hanno chiamato più volte Commisso e Antognoni. La Roma si è fatta sentire con Fienga, numero uno della dirigenza. E Bruno Conti mi chiamava ripetutamente per sapere come stavo. Ci sono rimasto proprio male per l’atteggiamento e l’indifferenza del Torino. Mi ha telefonato a titolo personale solo Massimo Bava. Mi sarei aspettato che si ricordassero di me in un momento così grave”.

Graziani ha avuto da ridire anche su Urbano Cairo per la situazione di classifica dei granata. “Ma quando a capo di una società c’è chi la pensa in questa maniera, come si può credere che le cose vengano bene?“. Davvero curioso che un club come quello piemontese, tanto legato alla sua storia da ricordare ogni anno i caduti del “Grande Torino”, non abbia voluto dedicare un pensiero a un’ex bandiera granata.