Longo:"Non siamo ancora salvi,Belotti straordinario" - IL TORO SIAMO NOI
Longo:"Non siamo ancora salvi,Belotti straordinario" - IL TORO SIAMO NOI
Longo:"Non siamo ancora salvi,Belotti straordinario" - IL TORO SIAMO NOI
Longo:"Non siamo ancora salvi,Belotti straordinario" - IL TORO SIAMO NOI
Longo:"Non siamo ancora salvi,Belotti straordinario" - IL TORO SIAMO NOI

Longo:”Non siamo ancora salvi,Belotti straordinario”

Moreno Longo ha parlato in conferenza stampa dopo la vittoria con il Genoa:

“È una vittoria importante, questa partita aveva un peso notevole. Era uno scontro diretto, la vittoria ci avvicina al nostro obiettivo. È giusto che la squadra abbia la percezione del tipo di partita che abbiamo vinto. Da domani lavoriamo per preparare la prossima partita, ancora non siamo matematicamente salvi. La squadra ha saputo creare diverse occasioni, ha segnato al momento giusto. È stata una buona gara”. 

Se questo è il mio Toro? 

“Man mano che passano giorni, riusciamo a mettere dentro più concetti. Abbiamo avuto poco tempo a disposizione. Prima del lockdown abbiamo lavorato per appena 20 giorni, dopo la sosta abbiamo lavorato due settimane. In questo periodo ci siamo limitati a gestire la squadra, non ci sono stati allenamenti veri e propri. La squadra ha uno spirito combattivo, reagisce sempre alle difficoltà, cosa che non succedeva prima del lockdown. Nello spirito stiamo facendo passi avanti, pur sapendo che dobbiamo migliorare alcune cose”. 

Il mio futuro? “Non voglio essere scaramantico, dobbiamo restare concentrati sui punti che dobbiamo fare per avere la matematica salvezza. L’unica cosa che mi interessa per il senso di appartenenza che ho per la squadra, è il raggiungimento della salvezza. Non penso a quello che accadrà dopo, io voglio lavorare solo nel modo migliore per questa squadra”. 

La prestazione di Belotti?

 “Un giocatore da solo non ti fa vincere le partite. Certo, parliamo di un giocatore straordinario, che è andato a segno per la settima volta consecutiva. È un giocatore completo, che svaria su tutto il fronte di attacco. Calcia con entrambi i piedi, aiuta in fase difensiva. Ce lo teniamo stretto. La sua prestazione è la ciliegina sulla torta”. 

Il gol di Bremer?

 “Il merito è dei giocatori che interpretano le situazioni in campo. Sulle pale inattive ci lavoriamo durante la settimana. Sono contento, ma sono i giocatori i primi attori che mettono in pratica queste situazioni, il merito va a loro”.