La Premier League riparte

Il calcio scalda i motori e si prepara in vista di una possibile ripartenza: il governo inglese ha infatti dato il via libera alla ripresa delle competizioni sportive a partire dal prossimo 1 giugno, dunque c’è l’ok per la ripresa della Premier League.

La fase due del governo britannico consente infatti il “normale svolgimento degli eventi culturali e sportivi a porte chiuse“: la notizia apre le porte al seguitissimo campionato inglese, che potrà dunque essere portato a termine in estate.

Spetterà ora ai vertici della federazione inglese studiare il percorso che porta alla ripresa ufficiale della Premier, sulla base di un protocollo che verrà analizzato e messo in pratica per consentire il normale svolgimento delle partite in totale sicurezza per i giocatori.

Non ci sono a oggi ancora date ufficiali sulla ripresa, ma il semaforo verde governativo spiana la strada ad alcune previsioni sul fatidico giorno: negli ultimi giorni l’idea più discussa è stata quella di una ripartenza fissata per l’8 giugno con conclusione delle competizioni a luglio, un arco temporale che a questo punto diventa sostenibile in base alle indicazioni delle istituzioni.

Se da una parte la Ligue 1 francese e l’Eredivisie olandese sono state già decretate concluse, la Bundesliga ha invece già fissato la data ufficiale del ritorno in campo: anche il calcio inglese si prepara a ripartire dopo il lungo stop dettato dalla terribile emergenza sanitaria.

Il piano di rientro non piace però a tutte le squadre del massimo campionato inglese: secondo quanto riferito dal ‘Telegraph’ sarebbero infatti addirittura otto i club contrari alla ripartenza della Premier League, un fattore sicuramente importante nell’ambito delle tante valutazioni di questi giorni.


COMMENTA L'ARTICOLO