Sprofondo Toro: crisi senza fine

La disperazione di Sirigu

Continua la crisi del Torino che perde male anche a Lecce. I salentini, fino ad oggi mai vittoriosi al ‘Via del Mare’ dove però avevano già fermato sul pareggio Juventus e Inter, vincono per 4-0 una partita senza storia.


Liverani lancia dal 1′ gli acquisti di gennaio Donati, Barak e Saponara. Ancora emergenza totale invece per Mazzarri che schiera Berenguer e Verdi dietro Belotti.

I padroni di casa partono fortissimo e alla metà del primo tempo sono già avanti di due goal, entrambi splendidi, firmati da Deiola sugli sviluppi di un corner e proprio dal nuovo acquisto Barak.

Il Torino prova a reagire ma perde anche Verdi per infortunio mentre il goal del possibile 2-1 viene annullato per fuorigioco. Il Lecce quindi va all’intervallo sul 2-0.

All’inizio della ripresa Sirigu salva i granata dal colpo del ko e Mazzarri inserisce Edera per cercare di aumentare il peso offensivo della sua squadra.

Il tris del Lecce però è solo rimandato e lo firma Falco con un tiro all’incrocio. Nel finale Lapadula su calcio di rigore cala addirittura il poker.

Terza sconfitta consecutiva quindi per il Torino che ha incassato undici goal nelle ultime due: ora anche Mazzarri rischia. Il Lecce invece vince ed esce momentaneamente dalla zona calda.

IL TABELLINO

LECCE-TORINO 4-0

Marcatori: 11′ Deiola, 19′ Barak, 64′ Falco, 78′ rig. Lapadula

LECCE (4-3-1-2): Vigorito; Donati, Lucioni, Rossettini, Rispoli; Deiola (57′ Petriccione), Majer (82′ Paz), Barak; Saponara (72′ Shakhov) ; Falco, Lapadula

TORINO (3-4-2-1): Sirigu; Bremer, N’Koulou, Djidji (58′ Edera); De Silvestri, Rincon (69′ Lyanco), Meité, Ola Aina; Berenguer, Verdi (24′ Millico); Belotti

Arbitro: Rocchi

Ammoniti: Nkoulou, Meité (T), Majer, Deiola (L), Ola Aina (T), Lapadula (L)

Espulsi: Nessuno

COMMENTA L'ARTICOLO