Nocerino lascia il calcio


A quasi 35 anni anche per Antonio Nocerino è arrivato il momento di dire basta. Il centrocampista, ex tra le altre di Milan e Juventus, ha appeso gli scarpini al chiedo e lo ha annunciato su Instagram.

Dopo la fine dell’avventura col Benevento, quindi, Nocerino chiude col calcio giocato ma resterà in questo mondo come allenatore.

View this post on Instagram

È arrivato il momento di dire addio al mio grande e unico amico il Calcio. Una decisione sofferta ma ponderata, la mia soddisfazione e aver realizzato il sogno di mio padre che poi è diventato anche il mio. Volevo ringraziare i miei genitori e le mie sorelle che con il loro sacrificio e il loro amore mi hanno aiutato a diventare quello che sono, mia moglie la mia roccia e i miei figli che amo più della mia vita. Un ringraziamento va alle società dove ho giocato, gli allenatori che ho avuto, i compagni di squadra da qui ho imparato tantissimo e i tifosi che con il loro supporto e il loro amore verso il giocatore e soprattutto l’uomo mi hanno portato sempre a dare quel qualcosa in più. Ho deciso di affrontare una nuova sfida, quella dell’allenatore. Una sfida bella, nuova, difficile ma che troverà in me lo stesso spirito, passione, amore e professionalità che ho avuto da calciatore. Con affetto Antonio Nocerino 23

A post shared by Antonio Nocerino 23 (@antonocerino) on

Nocerino ha giocato più di 500 partite tra i professionisti segnando 28 goal, molti dei quali col Milan grazie alla collaborazione di Zlatan Ibrahimovic. Cresciuto nelle giovanili della Juventus, in carriera Nocerino ha vestito anche le maglie di Avellino, Genoa, Catanzaro, Crotone, Messina e Piacenza fino al ritorno alla Juventus.

Poi ecco il trasferimento al Palermo prima dell’exploit al Milan dove nel 2011/12 vive la sua migliore stagione anche grazie agli assist di Ibra. Nocerino faceva parte dell’Italia arrivata seconda a Euro 2012. Infine due esperienze all’estero in Premier col West Ham e in MLS con Orlando City. Il tutto prima del ritorno in Italia con Torino, Parma e Benevento.

COMMENTA L'ARTICOLO