Il Toro stende il Sassuolo,con brividi - IL TORO SIAMO NOI
Il Toro stende il Sassuolo,con brividi - IL TORO SIAMO NOI
Il Toro stende il Sassuolo,con brividi - IL TORO SIAMO NOI
Il Toro stende il Sassuolo,con brividi - IL TORO SIAMO NOI
Il Toro stende il Sassuolo,con brividi - IL TORO SIAMO NOI

Il Toro stende il Sassuolo,con brividi


Serviva una vittoria al Torino per rispondere per rispondere alle rivali e alzarsi sui pedali per lanciarsi nella volata che porta dritto ad una qualificazione europea e la vittoria, figlia di una straordinaria rimonta, è arrivata per 3-2 contro il Sassuolo.

Partita fin da subito vibrante quella dell’Olimpico Grande Torino, con gli uomini di Mazzarri che si sono fatti preferire in avvio. Entrato in campo con il giusto piglio il Toro ha dato fin da subito l’impressione di poter far sua la contesa. Non è un caso che le migliori occasioni nella primissima parte siano state tutte di marca granata e la più clamorosa di tutte è arrivata al 17’ quando Belotti si è presentato sul dischetto per battere un rigore assegnato per un fallo di mano di Magnanelli in area. Il pallone calciato dall’attaccante, dopo aver pizzicato la traversa vola via altissima insieme alle speranze di passare subito in vantaggio.

Qualche minuto dopo il Torino perde Ansaldi per infortunio e Mazzarri è costretto a ridisegnare la squadra. Al posto dell’argentino entra Iago Falque, con Berenguer che si sposta in fascia, il cambio non dà i frutti sperati. La squadra perde infatti equilibrio e con il passare del tempo anche metri sul campo. Ad approfittarne è il Sassuolo che al 27’ trova il vantaggio con Bourabia. Il discorso potrebbe farsi in discesa per gli ospiti, ma lo stesso giocatore neroverde, già ammonito, si alza la maglia sulla testa nell’esultare guadagnandosi così un secondo ingenuo giallo. Nonostante l’inferiorità numerica, il Sassuolo non si scompone e resta compatto sul rettangolo di gioco, riuscendo a resistere senza troppi affanni fino al 45’.

Ad inizio ripresa Mazzarri cambia ancora gettando nella mischia Zaza per Lukic e la partita si trasforma. Con tutte le sue bocce da fuoco in campo, il Torino si fa dominante e costringe il Sassuolo alle corde. I granata attaccano con straordinaria costanza e, quando al 56’ trovano il pareggio con Belotti, il risultato sembra destinato ad essere ribaltato in tempi abbastanza rapidi. L’assalto all’area neroverde non si esaurisce e solo un pizzico di imprecisione e qualche ottimo intervento di Consigli negano la gioia del sorpasso. Nel momento di massimo sforzo, quando la squadra di De Zerbi sembra ormai quasi allo stremo, arriva a sorpresa il guizzo di Lirola che torna a far pendere l’ago della bilancia dalla parte degli ospiti.

Di nuovo sotto, il Torino non solo non si arrende, ma si ributta in avanti con grande cuore e il suo coraggio viene premiato. Prima è Zaza a trovare il 2-2, poi è Belotti, poco più di un minuto dopo, a far esplodere il tifo granata con una rovesciata che vale il 3-2 e tre punti di platino.