Iago Falque su rinnovo e il momento attuale del Toro - IL TORO SIAMO NOI
Iago Falque su rinnovo e il momento attuale del Toro - IL TORO SIAMO NOI
Iago Falque su rinnovo e il momento attuale del Toro - IL TORO SIAMO NOI
Iago Falque su rinnovo e il momento attuale del Toro - IL TORO SIAMO NOI
Iago Falque su rinnovo e il momento attuale del Toro - IL TORO SIAMO NOI

Iago Falque su rinnovo e il momento attuale del Toro


Iago Falque presente alla presentazione dello sponsor Invent ha rilasciato alcune dichiarazioni.

“La sosta per noi non arriva in un buon momento. I tre giorni di riposo li abbiamo sfruttati per ricaricare. Ora abbiamo già la testa lunedì a Cagliari, senza voltarci troppo indietro”.

“Stiamo arrivando a una continuità sul campo. La sconfitta contro il Parma nessuno se l’aspettava. Non abbiamo saputo gestire i momenti negativi della partita. Servirà allenarci meglio, più forte. Cercando di correggere i nostri errori. Ora guardiamo avanti. Siamo in corsa con tutte le squadre. Il campionato è molto equilibrato: si può vincere e perdere ovunque. Rispetto agli anni scorsi abbiamo in gioco diverso. Mi viene in mente il primo tempo con la Fiorentina, il miglior Torino della stagione”.

“Voglio stare qui, presto o tardi si farà. Voglio crescere, credo che il Torino sia il posto migliore farlo. Il Torino sta facendo bene e voglio fare parte della causa del Torino”.

“Ci stiamo lavorando. Il mister ha ragione, quando dice che ci manca maturità. E servirà dare risposte a Cagliari. Abbiamo giocatori di esperienza in squadra. Non possiamo stare sempre con alti e bassi. Siamo positivi, pensiamo di poter far bene questa stagione”.

“Pavoletti è un giocatore d’area di rigore. Mi tengo Belotti… Il Cagliari? Lo scorso anno siamo andati a dare risposte. Ed è quello che dobbiamo fare lunedì. Arbitri? Forse qualche punto in più oggi ce l’avremmo”.

“In questi due anni non ho mai fatto dichiarazioni. In quel momento mi si dava per partente e mi sono sentito di dire quello che ho detto. Mi sono sfogato perché credo che meritavo altro. Mi piace essere sempre protagonista per quello che faccio in mezzo al campo”.

  • “Pallone d’oro?Lo dare a Messi, non c’è dubbio. Chi lo merita dei nostri? N’Koulou, un giocatore da tenerci stretto. Mi piace anche molto Meité, è il nuovo acquisto che mi ha sorpreso di più”.