Report,caso Juve parla il tifoso pregiudicato:"Facevo quarantamila euro a settimana" - IL TORO SIAMO NOI
Report,caso Juve parla il tifoso pregiudicato:"Facevo quarantamila euro a settimana" - IL TORO SIAMO NOI
Report,caso Juve parla il tifoso pregiudicato:"Facevo quarantamila euro a settimana" - IL TORO SIAMO NOI
Report,caso Juve parla il tifoso pregiudicato:"Facevo quarantamila euro a settimana" - IL TORO SIAMO NOI
Report,caso Juve parla il tifoso pregiudicato:"Facevo quarantamila euro a settimana" - IL TORO SIAMO NOI

Report,caso Juve parla il tifoso pregiudicato:”Facevo quarantamila euro a settimana”


Non si fermano le inchieste di Report, la trasmissione di Rai 3 in onda da lunedì 22 ottobre, sul mondo degli ultras e, in particolar modo, su quelli della Juventus. Dopo aver già annunciato scottanti indiscrezioni sull’ormai ex direttore generale bianconero Beppe Marotta (ma non solo), stamane l’account Twitter del programma ha pubblicato una nuova anticipazione. Si tratta delle dichiarazioni del pregiudicato Andrea Puntorno, capo dei Bravi Ragazzi, ovvero uno dei principali gruppi ultras juventini, ma pure vicino al clan calabrese dei Macrì e al clan agrigentino de Li Vecchi. Al centro del mirino nuovamente la vendita di biglietti per le partite dell’Allianz Stadium al di fuori dei circuiti ufficiali bianconeri e – secondo le accuse – di fatto nelle mani di gruppi malavitosi organizzati vicini alla società.

«Quando facevo con la vendita dei biglietti? 30, 40, 25mila euro a settimana. Il business c’è, non lo nego – le parole di Puntorno, già condannato per traffico internazionale di stupefacenti nel video pubblicato – . Con quei soldi lì mi sono comprato due case ed un panificio. Se era bagarinaggio? Io personalmente non ne faccio, ma c’era chi lavorava per me. I biglietti arrivavano direttamente dalla Juventus, è sempre stato così». Nuove scottanti dichiarazioni sul club bianconero sembrerebbero all’orizzonte.