Perché continua a tirarli lui?


“Vecchio cuore rossonero”,qualcuno sui social ha definito così Belotti per il rigore sbagliato contro il Milan (è già il secondo contro i rossoneri,ndr).

Ha sbagliato cinque degli ultimi sette rigori in totale in Serie A. Su tredici calciati nel massimo campionato, ne ha segnati solamente sei: meno della metà. I numeri non possono di certo rendere felice il Torino, anche l’errore contro il Milan è stato decisivo. La domanda che si pongono i tifosi granata, però, è un’altra: perché i rigori continua a tirarli lui?

Nonostante l’infortunio e l’annata complicata, le qualità di Belotti sono indisctutibili. Un po’ meno se si tratta di tirare un penalty. Quest’anno ha tirato due rigori e li ha falliti entrambi (l’altro contro il Chievo).

Il rigorista è lui, la gerarchia parla chiaro. Eppure con tutti questi rigori sbagliati il Torino rischia veramente di mangiarsi le mani. L’Europa sfugge, colpa anche di quei maledetti undici metri.

COMMENTA L'ARTICOLO