L’ultimo saluto a Mondonico

Applausi, bandiere, fumogeni e il coro ‘Emiliano alzaci la sedia’ hanno accolto il feretro. Nella folla anche un paio di tifosi con una sedia brandita in aria (un’altra da cucina è stata esposta a una finestra in un palazzo davanti alla chiesa), in ricordo della celebre protesta contro l’arbitro nella finale di coppa Uefa del ’92 tra Torino e Ajax, una delle immagini icona della carriera dell’allenatore.
Tifosi e appassionati con le maglie, le sciarpe e le bandiere delle squadre guidate da Mondonico, dall’Atalanta al Torino, passando per Cremonese, Fiorentina e Albinoleffe- Numerosi gli ultrà con striscioni ed enormi bandiere, ma anche conoscenti, paesani, famiglie con bambini e persone che hanno incrociato Mondonico negli oratori o nelle comunità, come ‘L’approdo’, dove l’allenatore aiutava i tossicodipendenti a liberarsi da alcol, droga e gioco d’azzardo attraverso il calcio. Il rito delle esequie è celebrato da don Dennis Feudatari.
Fra i personaggi del mondo del calcio che partecipano al funerale dell’allenatore ci sono anche il presidente del Torino, Urbano Cairo, il club manager della Fiorentina, Giancarlo Antognoni, e diversi ex calciatori, come Filippo Inzaghi, Paolo Pulici, Gianluigi Lentini e Angelo Carbone. Nella chiesa di Santa Maria e San Sigismondo, nella piazza centrale di Rivolta d’Adda, ha trovato posto solo una parte delle persone accorse, e una folla ascolta il rito dall’esterno grazie ad alcuni altoparlanti. Il feretro di Mondonico verrà sepolto nel cimitero locale.

COMMENTA L'ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.