Dal nostro forum,il pensiero di un tifoso


Tutto molto bello Tutto molto bello, dearissimo Massimo Gramellini.

Tutto molto bello, eppure a me questo fantomatico derby del 3 a 2 (che, tra l’altro, per via dell’anagrafe, non ho nemmeno visto), francamente, sta incominciando un tantino a stufare..

Questo perché, con tutto il rispetto, nel campionato 2017 – 2018 (e non 1982 – 1983) siamo “costretti” a schierare in campo una difesa composta da personaggi che occhio e croce hanno la stessa identica età tua, di Bonesso, o di Torrisi, e che, di conseguenza, (calcisticamente parlando, s’intende, ndr) nella migliori delle ipotesi (Moretti, Burdisso) non ce la fanno proprio più, e nella peggiore (Molinaro) non ce l’hanno proprio mai fatta..

Questo perché, con tutto il rispetto, abbiamo tutti quanti i “Toro club” invasi da calciatori che ci hanno sì fatto godere (eccome), ma che dal lontano 1976, eccezion fatta per quelle circostanze nelle quali i dolori tipici dell’età o di Joel Obi (quali ad esempio artriti reumatoidi, artrosi, dolori articolari e così via) li han costretti a dar forfait non han più cenato a casa loro, e questo la dice lunga..

Tutto molto bello, si diceva..

Il tremendismo, tremendismo amabilmente sfanculato, “Ora e per sempre”, Gigi Meroni e Paolino Pulici, la sedia al cielo, Ricky Maspero e Marcolino Ferrante, i goal in fuorigioco, divieto di sosta e di fermata di Trezeguet e Tevez e ci mancherebbe altro contestati, il calciatore che conta in grado di centrare in pieno un portiere che sta cercando di schivarsi per renderci il favore di qualche anno prima (il goal di Osvaldo lasciato chissà perché un pochino solo soletto), Ghirardi che si defila, i sedicesimi di Europa League, il San Mamés, il coraggiosissimo “tiki taka” con Beppe Vives e Gazzi nei panni di Xavi ed Andrés Iniesta, Maxi Lopez, la “lavatrice sulle spalle” e Siniša Mihajlović che si porta il magazziniere in conferenza stampa, le plusvalenze, il Filadelfia new ed il settore giovanile finalmente di nuovo all’altezza..

Tutto molto bello, ma a quando i risultati.. ?!

A quando un piccolo trofeo anche nel mondo dei grandi, o quanto meno un minimo sindacale d’amor proprio.. ?!

Non so di preciso di chi sia la colpa, ma di giocatori all’altezza, a mio avviso, a sto giro ce ne sarebbero eccome, e pensare d’esser diventati un Chievo Verona od un’Udinese qualunque pur schierando gente del calibro di Salvatore Sirigu, Nicolas N’Koulou, Tomás Rincón, Iago Falque, Andrea Belotti e (aggiungo) Vanja Milinković – Savić, Simone Edera ed Alejandro Berenguer, sempre con tutto il rispetto, mi lascia un tantino perplesso..

COMMENTA L'ARTICOLO