Selvaggi:"Al Toro manca Belotti,Pellegri deve giocare di più" - IL TORO SIAMO NOI
Selvaggi:"Al Toro manca Belotti,Pellegri deve giocare di più" - IL TORO SIAMO NOI
Selvaggi:"Al Toro manca Belotti,Pellegri deve giocare di più" - IL TORO SIAMO NOI
Selvaggi:"Al Toro manca Belotti,Pellegri deve giocare di più" - IL TORO SIAMO NOI
Selvaggi:"Al Toro manca Belotti,Pellegri deve giocare di più" - IL TORO SIAMO NOI

Selvaggi:”Al Toro manca Belotti,Pellegri deve giocare di più”



Poco più di 72 ore e Torino e Juventus si ritroveranno faccia a faccia per l’attesissimo derby della Mole. La cornice è quella offerta dallo stadio Olimpico Grande Torino ed il calcio d’inizio è fissato per le ore 18 di sabato 15 ottobre.  Intervenuto ai microfoni di Toro News, l’ex bandiera granata Franco Selvaggi ha detto la sua sulla stracittadina piemontese. Un incontro che lui conosce bene e che l’ha visto protagonista di un gol (nell’ottobre del 83’) che consegnò la vittoria alla formazione allora allenata da Eugenio Bersellini.

“Battere la Juventus con un mio gol fu una soddisfazione enorme. Non tanto per me quanto per i tifosi e per quello che  riuscì a trasmettere. Fu un’emozione grande. Esultare sotto la curva con migliaia di tifosi festanti fu bello, bellissimo” ha confessato Selvaggi ai microfoni di Toronews. Sulle emozioni provate nella settimana prima del derby, il classe 53’ ha aggiunto: “Si, è inutile nasconderlo. C’era molta concentrazione. Il derby, non è una frase fatta, era una partita diversa rispetto a tutte le altre”. Infine l’ex granata ha detto la sua circa la penuria di gol del gruppo piemontese: “Si sente l’assenza di Belotti, un terminale offensivo. Credo, comunque, che sia importante creare le occasioni. Prima o poi si sbloccheranno le punte. Pellegri ha bisogno di continuità. Ha grandi potenzialità e quindi deve giocare con costanza. Credo fermamente in Juric e saprà trarre il meglio dal suo attaccante. La Juventus non è più quella squadra ammazza campionato. Sarà una partita equilibrata e il Torino potrà anche vincere. La Juventus è vulnerabile negli ultimi due anni, non è più quella di una volta. Saranno gli episodi a decidere la contesa”.

COMMENTA L'ARTICOLO