Belotti racconta i suoi 100 gol con il Toro - IL TORO SIAMO NOI
Belotti racconta i suoi 100 gol con il Toro - IL TORO SIAMO NOI
Belotti racconta i suoi 100 gol con il Toro - IL TORO SIAMO NOI
Belotti racconta i suoi 100 gol con il Toro - IL TORO SIAMO NOI
Belotti racconta i suoi 100 gol con il Toro - IL TORO SIAMO NOI

Belotti racconta i suoi 100 gol con il Toro

Andrea Belotti ha parlato a Torino Channel per celebrare i suoi 100 gol con la maglia granata.

‘Mi chiedono sempre di scegliere i gol più belli, ma per me tutti sono bellissimi perché portano con sé qualcosa, un’emozione, un qualcosa di speciale.Ma se dovessi fare una classifica: al terzo posto il gol contro il Chievo, poi qauello contro il Genoa quando abbiamo vinto 3-0 ed al primo la rovesciata contro il Sassuolo’.

Prosegue il Gallo: ‘Ogni gol porta con sé ricordi speciali, alcuni irripetibili e indelebili. Ogni gol mi ha dato emozione speciale, sceglierei quello con l’Atalanta nel 2020: è stata la prima volta che ho esultato sapendo che mia moglie era in dolce attesa. Mi sono messo il pallone sotto la maglia, è stata un’emozione speciale. Era un qualcosa che avevamo pensato per tutta l’estate, è stata un’attesa cresciuta per tutta l’estate ed è stato magico’.

Sul gol più facile: ‘Segnare non è mai facile, se dovessi dire un gol meno difficile penso a quello contro l’Inter: dopo un calcio d’angolo la palla è rimasta lì e ho fatto un semplice tap-in’.

Sul gol più difficile: ‘Dal punto di vista di difficoltà e per il contesto, la rovesciata contro il Sassuolo nel 2019: era la seconda rovesciata, un periodo particolare durante u quale ci giocavamo l’Europa League e io avevo sbagliato un rigore. Sembrava che la partita non andasse a nostro favore, poi la rovesciata da dietro al dischetto del rigore: ricordo lo stadio pieno, è stata un’emozione incredibile che ci ha permesso di vincere.’

Conclude Belotti: ‘Ringrazio per questo riconoscimento, ma nulla è finito: domani gara difficile, l’abbiamo preparata bene e dobbiamo fare una grande partita. vi aspetto tutti, sarete il nostro dodicesimo uomo in campo’.