Rodriguez,c'è feeling con Juric - IL TORO SIAMO NOI
Rodriguez,c'è feeling con Juric - IL TORO SIAMO NOI
Rodriguez,c'è feeling con Juric - IL TORO SIAMO NOI
Rodriguez,c'è feeling con Juric - IL TORO SIAMO NOI
Rodriguez,c'è feeling con Juric - IL TORO SIAMO NOI

Rodriguez,c’è feeling con Juric

Cercato da Vladimir Petkovic, già suo CT nella nazionale svizzera, Ricardo Rodriguez avrebbe detto no al Bordeaux, ora allenato proprio dall’ex-tecnico della Lazio. Contattato personalmente dal connazionale il quasi ventinovenne jolly difensivo mancino di casa Toro appare infatti sempre più intenzionato a ritagliarsi uno spazio di rilievo nel nuovo Toro di Juric, il quale, dal canto suo, sembra riporre un buon livello di fiducia nei suoi confronti.

Dato come partente quasi certo alla fine della passata stagione, con un ritorno in Bundesliga come destinazione plausibile (Friburgo e Mainz 05 lo avevano salvato), Rodriguez, arrivato con Giampaolo alla guida, e finito nel dimenticatoio lungo la gestione Nicola, è apparso sì imballato nel corso delle amichevoli contro Rennes e AZ Alkmaar, ma ha mostrato gamba e voglia di tornare quanto meno ai livelli dei suoi momenti migliori lungo la pluriennale esperienza con la casacca del Milan. Difficile immaginarlo in linea con gli standard dei suoi anni al Wolfsburg, che lo avevano visto diventare uno dei laterali mancini più desiderati d’Europa; anche perché Juric, come già alcuni dei suoi predecessori, lo vede soprattutto come componente del terzetto difensivo, sul centro-sinistra, più che come alternativa di fascia. Con ancora tre anni di contratto col Toro, in ogni caso, Rodriguez sembra puntare a costruirsi un futuro vero in maglia granata.