Nuovo comunicato del Comitato Taurinorum

Il Comitato Taurinorum è tornato a parlare del proprio progetto di acquisizione del Torino e lo ha fatto con un nuovo comunicato pubblicato sulla propria pagina Facebook.

“Gentili amici,
Con la presente nota il Comitato Taurinorum vuole aggiornarvi circa alcuni aspetti molto importanti della trattativa in itinere. In primis, teniamo ad informare che a questo comunicato seguirá una fase di “time out” forzato, in quanto per l’auspicato raggiungimento del noto obiettivo che ci siamo posti, riteniamo si debba entrare necessariamente in una fase di assoluto silenzio stampa e di conseguente massimo riserbo onde poter sviluppare in modo efficace la trattativa stessa. Per quel che concerne il “rapporto quote societarie 80/20” anticipato nel precedente comunicato, il Comitato Taurinorum tiene a precisare che in un’ottica di condivisione strategica con la tifoseria, si intende riservare all’azionariato popolare il 20% della futura compagine societaria, mentre l’80% sarà appannaggio di un azionariato diffuso rappresentato dal fondo(i) di investimento e Private Equity. Chi partecipa (e chi parteciperà) all’acquisto delle quote di tale(i) fondo(i) lo fa mantenendo il più totale anonimato, pertanto ogni richiesta di nomi è priva di fondamento e non potrà avere risposta proprio per il rispetto della natura stessa dell’operazione finanziaria da noi strutturata”.

“La governance, il consiglio direttivo, e l’organo di presidenza avranno una durata quadriennale, con rappresentanti esecutivi di tutti gli stakeholder, inclusi rappresentanti della tifoseria ed ex calciatori del Torino. Tali organi saranno rinnovati attraverso un processo elettorale che garantisca la massima partecipazione di tutte le parti in causa, prendendo spunto da modelli già esistenti quali quello del Barcellona FC analizzato da Calcio e Finanza. Certi della vostra più ampia comprensione, ribadiamo l’esigenza di entrare in una fase di silenzio, che auspichiamo possa tradursi in un arrivederci. Forza Toro, alé Granata!”

COMMENTA L'ARTICOLO