Il pensiero di un tifoso:”Il Toro di Cairo…”

Il Torino di Cairo per la prima stagionale del campionato 2019/2020 in quel di Alessandria contro una squadra di volenterosi dopolavoristi magiari, stabilisce un nuovo record: il prezzo per una curva in un campetto di serie C è di 30 euro.
Quei 30 euro, per chi li ha spesi. rappresentano la cifra più alta mai pagata in Italia, per un biglietto in un settore popolare per un preliminare di una competizione UEFA, champions league compresa.

Il Torino di Cairo viene da una stagione nella quale è uscito dall’Europa ai preliminari, in coppa Italia ai quarti, ed in campionato ha rischiato la retrocessione battendo svariati record negativi.

Il Torino di Cairo viene da un campionato disputato in larga parte a porte chiuse e nel quale quando le porte erano invece aperte, visto lo spettacolo indecente offerto, sarebbe stato meglio averle chiuse.

Il Torino di Cairo si rimangia la parola data e non rimborsa cash gli abbonati, ma al massimo fornisce loro un voucher.

Il Torino di Cairo si approccia alla nuova stagione con il morale sotto i tacchi e l’entusiasmo sotto le piante di piedi gonfi come quelli degli anziani con problemi di ritenzione idrica.

Il Torino di Cairo opera sul mercato con la celerità di una lumaca zoppa, e lo fa pure male, tanto che in rosa ci sono più buchi che in comunità di recupero da Don Benzi.

Il Torino di Cairo perde, ed anche piuttosto male, le prime due partite di campionato.

Per la prima partita a porte semi aperte, il Torino di Cairo fissa dei prezzi che vanno da un minimo di 40 fino a 250 euro.

Questo è il Torino di Cairo: per chi cerca il TORO, si prega di ripassare.

E.B.

One comment on “Il pensiero di un tifoso:”Il Toro di Cairo…”
  1. Paolo ha detto:

    Nonostante questi prezzi quei 1000 biglietti saranno venduti tutti.

COMMENTA L'ARTICOLO