Caos in casa Sampdoria,tifosi contro Ferrero


Sono giornate convulse per la Sampdoria. Tra la squadra ultima in classifica a zero punti e una vicenda societaria che non vuole sapere di concludersi. Mancano soltanto 12 giorni al 30 settembre, termine ultimo per definire la trattativa in esclusiva per la cessione della società a CalcioInvest, ovvero la cordata capeggiata da Vialli.

Il presidente Ferrero vorrebbe chiudere l’operazione e ha abbassato le pretese da 100 a 90 milioni di euro. Ma l’impressione – secondo La Gazzetta dello Sport – è che per poter arrivare al closing sia fondamentale la figura di Garrone. L’ex presidente aveva già assicurato un prestito di circa 20 milioni per concludere l’accordo, ma potrebbero esserne necessari ulteriori 10 almeno.

Intanto i tifosi blucercerchati sono sul piede di guerra contro Ferrero:”Domenica faremo dei picchetti davanti allo stadio, all’ingresso delle tribune, per impedire a Massimo Ferrero di entrare. Abbiamo avvisato anche la Digos.Nello show televisivo dalla Ventura, ha superato ogni limite. Deve andarsene, da Genova e dalla Sampdoria”.

Parole di Claudio Bosotin, leader dei Vecchi Ultras, che hanno deciso di rilanciare le azioni di protesta contro il presidente della Sampdoria. Nei mesi scorsi Bosotin e gli altri Vecchi Ultras avevano sollecitato, con la loro manifestazione, l’intervento di Edoardo Garrone. Ora questa nuova iniziativa, destinata a fare molto rumore.

Prima di Sampdoria-Torino, dunque, in programma domenica alle 15, l’ingresso delle tribune sarà presidiato.

Intanto nella notte è comparsa questa scritta:”Ferrero infame, guardati le spalle”. E’ la scritta minacciosa nei confronti del presidente della Sampdoria scoperta questa mattina a Bogliasco, all’ingresso della struttura di ‘Casa Samp’ dove vivono i giocatori del settore giovanile blucerchiato, nei pressi del centro sportivo Mugnaini dove si allena anche la prima squadra. Sull’episodio indagano le forze dell’ordine che stanno esaminando anche le telecamere di sorveglianza.


Annunci

COMMENTA L'ARTICOLO