Colpo Champions: l’Atalanta passa a Napoli


Il Napoli di Carlo Ancelotti cade in casa contro l’Atalanta di Gian Piero Gasperini nel posticipo della 33esima giornata di Serie A. Al San Paolo decidono le reti di Zapata e Pasalic, bravi a ribaltare nella ripresa l’iniziale vantaggio siglato da Mertens nel primo tempo.

In un San Paolo reso molto scivoloso dalla pioggia a partire meglio è il Napoli, con Milik e Mertens che non riescono però a superare Gollini nonostante due grandi occasioni create già nei primi dieci minuti.

I padroni di casa ci provano però con insistenza e al 28’ riescono a sbloccare la gara, grazie anche a un po’ di fortuna. Su un perfetto cross basso di Malcuit, Mancini finisce infatti per colpire Mertens nel tentativo di anticipare il belga, favorendo così involontariamente l’1-0 del Napoli.

Partenopei che qualche minuto dopo hanno anche la grande chance di raddoppiare con Zielinski ma il polacco si lascia ipnotizzare da Gollini, bravo a chiudergli lo specchio in uscita. A far segnare l’azione più pericolosa dell’Atalanta è invece Gomez sul finale di primo tempo, con Ospina però attento a non farsi superare.

Nella ripresa smette di piovere ma il copione resta lo stesso del primo tempo, almeno in avvio. Ad avere una clamorosa occasione per regalare il 2-0 al Napoli dopo pochissimi minuti è infatti Milik. Lanciato in profondità da Mertens, il polacco sceglie di superare Gollini con un preciso pallonetto ma a salvare tutto è uno straordinario Masiello. Il difensore atalantino riesce infatti a evitare che il pallone superi interamente la linea di porta per una questione di millimetri.

A cambiare volto alla gara è però l’ingresso in campo di Ilicic. Lo sloveno regala infatti maggiore spinta all’Atalanta, con i bergamaschi che nel giro di dieci minuti trovano prima il pareggio con Zapata e poi il clamoroso vantaggio con Pasalic.

Un uno-due che mette in ginocchio il Napoli, rilanciando invece l’Atalanta al quarto posto. I bergamaschi raggiungono infatti il Milan a quota 56, potendo così continuare a cavalcare il sogno Champions League.


COMMENTA L'ARTICOLO