Giro di vite della FIFA contro i procuratori.Cambia tutto dal 2022

Il 1 giugno 2022 entrerà in vigore un nuovo regolamento della Fifa che taglierà le gambe ai procuratori. El Pais ha letto la bozza del documento che in teoria dovrebbe cambiare gli equilibri delle transazioni. Il nuovo regolamento dice che un agente che rappresenta sia il giocatore che il club acquirente – cosa che avviene sempre più spesso – potrà guadagnare un massimo del 3% di commissione. In molti casi il procuratore addirittura rappresenta le tre parti: la società venditrice, il calciatore e la società di destinazione. Questo non sarà più possibile. La commissione massima che un rappresentante può ricevere in assoluto sarà del 10%, ma a patto che lavori solo per la società che vende.

Oltre a limitare i guadagni, con questo provvedimento la FIFA cerca anche di evitare conflitti di interesse. Tra i giri di consultazioni che il gruppo di lavoro della Fifa ha svolto prima di scrivere le nuove norme, sono state raccolte molte lamentele di calciatori che segnalano come i rappresentanti abbiano guadagnato somme quattro volte superiori a quelle ricevute come bonus di trasferimento.

La Fifa inoltre intende controllare i pagamenti. Questo per evitare il pagamento di commissioni nei paradisi fiscali e una maggiore trasparenza economica. Un organismo di nuova costituzione, chiamato Clearing House, avrà il compito di controllare e distribuire le commissioni.

Secondo un rapporto che quest’anno ha preparato la Fifa, nell’ultimo decennio sono stati pagati 3,2 miliardi di euro in servizi di intermediazione nei trasferimenti internazionali. Il rapporto rivela anche che sono stati completati 1.287 trasferimenti di giocatori internazionali, 300 dei quali (23,3%) hanno riguardato i servizi di almeno un intermediario.

La Fifa ha anche stabilito una serie di condizioni per la licenza dei rappresentanti. Dovranno superare un esame di diritto di trasferimento, e per mantenere la licenza accederanno a un sistema di crediti iscrivendosi ai corsi di aggiornamento che saranno forniti dalla Fifa stessa. Per essere ammessi ci sarà anche un controllo dei carichi pendenti, con il quale si cerca di allontanare dal mondo del calcio i soggetti condannati per gravi reati penali. Non saranno ammessi coloro che abbiano ricevuto pene di almeno 12 mesi di reclusione per fatti legati alla criminalità organizzata, traffico di droga, corruzione, riciclaggio di denaro, evasione fiscale, abuso sessuale, sfruttamento o traffico di minori. Né potranno accedere alla licenza le persone con una sospensione di almeno due anni, squalifica o espulsione da qualsiasi autorità di regolamentazione o organo di governo dello sport per violazione delle regole relative all’etica e alla condotta professionale.