Nkoulou: ora il Toro pensa ad una multa


Quello che sta vivendo Nicolas Nkoulou è un inizio di stagione diverso da tutti gli altri. Mentre il Torino infatti vola in campionato e si riscopre primo dopo due turni a braccetto con dei colossi come Inter e Juventus , il suo presente è fatto di allenamenti in solitaria e tanta tribuna.

Nkoulou si è di fatto autoescluso dal momento in cui, nel commentare con Mazzarri i suoi palesi errori contro il Wolverhampton nella gara d’andata dei playoff di Europa League, ha detto di non ‘ esserci con la testa ’ ed anzi ha chiesto di non giocare la successiva gara di campionato contro il Sassuolo.

La linea scelta dal club granata è chiara come ha annunciato Urbano Cairo , ma Nkoulou, dal canto suo, non sembra intenzionato a fare passi indietro. Parlando a L’Equipe anzi, il difensore ha rilanciato.

“Io sono un uomo leale e onesto. Nella mia carriera mai nessun compagno, allenatore o dirigente ha mai messo in dubbio la mia professionalità e ancor meno la mia educazione. Un professionista deve informare il suo datore di lavoro se non è nelle migliori condizioni possibili per svolgere il suo lavoro ed è quello che ho rispettosamente fatto”.

Nel corso dell’estate il nome di Nkoulou è stato accostato a quello di diversi club italiani e stranieri.

“Per me a definire un uomo è il rispetto della parola data. Sfortunatamente mi sono reso conto che le promesse sono difficili da mantenere. Ho preso atto del fatto che la società si è rifiutata di farmi partire nel corso dell’estate. Fedele a quelli che sono i miei principi, torno al lavoro, senza che tutto questo disturbi la mia professionalità o la difesa dei colori del Torino”.

Il giocatore ha poi postato una foto su Instagram, come vedete sù, con le stesse parole rilasciate nell’intervista, in modo da far restare una sorta di comunicato disponibile a tutti. Il Toro, secondo ‘Sky’, potrebbe multarlo per le dichiarazioni concesse.

Quello che sta vivendo Nicolas Nkoulou è un inizio di stagione diverso da tutti gli altri. Mentre il Torino infatti vola in campionato e si riscopre primo dopo due turni a braccetto con dei colossi come Inter e Juventus , il suo presente è fatto di allenamenti in solitaria e tanta tribuna.

Nkoulou si è di fatto autoescluso dal momento in cui, nel commentare con Mazzarri i suoi palesi errori contro il Wolverhampton nella gara d’andata dei playoff di Europa League, ha detto di non ‘ esserci con la testa ’ ed anzi ha chiesto di non giocare la successiva gara di campionato contro il Sassuolo.

La linea scelta dal club granata è chiara come ha annunciato Urbano Cairo , ma Nkoulou, dal canto suo, non sembra intenzionato a fare passi indietro. Parlando a L’Equipe anzi, il difensore ha rilanciato.

“Io sono un uomo leale e onesto. Nella mia carriera mai nessun compagno, allenatore o dirigente ha mai messo in dubbio la mia professionalità e ancor meno la mia educazione. Un professionista deve informare il suo datore di lavoro se non è nelle migliori condizioni possibili per svolgere il suo lavoro ed è quello che ho rispettosamente fatto”.

Nel corso dell’estate il nome di Nkoulou è stato accostato a quello di diversi club italiani e stranieri.

“Per me a definire un uomo è il rispetto della parola data. Sfortunatamente mi sono reso conto che le promesse sono difficili da mantenere. Ho preso atto del fatto che la società si è rifiutata di farmi partire nel corso dell’estate. Fedele a quelli che sono i miei principi, torno al lavoro, senza che tutto questo disturbi la mia professionalità o la difesa dei colori del Torino”.

Il giocatore ha poi postato una foto su Instagram, come vedete sù, con le stesse parole rilasciate nell’intervista, in modo da far restare una sorta di comunicato disponibile a tutti. Il Toro, secondo ‘Sky’, potrebbe multarlo per le dichiarazioni concesse.


Loading...

COMMENTA L'ARTICOLO