Adesso parla Ventura


Intervista su La Gazzetta dello Sport.

“Non ho trovato un senso, ma ho una spiegazione: ho fatto calcio per 35 anni, sul campo, ma non mi sono mai occupato della politica sportiva, non ho mai fatto parte di un Sistema. Ho sempre pensato che l’essere conta più dell’apparire. Che produrre conta più che promettere. Il progetto che avevo messo sul tavolo stava andando bene”. Comincia così l’intervista esclusiva rilasciata dall’ex c.t. della Nazionale, Gian Piero Ventura, al vicedirettore della Gazzetta dello Sport, Andrea Di Caro.

“Avevo ereditato l’Italia più anziana degli ultimi 50 anni e la stavo svecchiando con l’inserimento massiccio di giovani: ho fatto esordire 14 giocatori nuovi – continua Ventura -. Se ci fossimo qualificati questi giovani sarebbero stati inseriti nella lista per il Mondiale dove continuo a credere che l’Italia avrebbe fatto bene. Russia 2018 doveva essere il trampolino di lancio per essere poi tra i favoriti all’Europeo 2020. Tutto aveva un senso e ha funzionato fino alla gara con la Spagna. Siamo arrivati a quella partita reduci da 7 vittorie e 2 pareggi e dell’appoggio dei tifosi. Dopo quella gara è partita invece una demolizione senza precedenti, un delitto premeditato mai visto”.

Non me ne sono andato perché sentivo che nonostante tutto ce l’avremmo fatta. Dovevo dimettermi per tanti motivi. La doppia sfida con la Svezia? Sembrava non si aspettasse altro che una caduta. C’era un clima da resa dei conti. Bastava arrivare uniti, qualificarci e poi salutarci, cosa che avevo già preannunciato di fare. Insigne? Con me ha sempre giocato, ho fatto una valutazione in base all’avversario ma stia sicuro che se avesse giocato, il problema sarebbe stato El Shaarawy o un altro. Balotelli? Sarebbe stato convocato per le amichevoli contro Argentina e Inghilterra. Lavoravamo per farlo rientrare. Mi auguro che si torni a rispettare l’uomo Ventura oltre che il tecnico. Sulla correttezza e serietà nessuno puà contestarmi e da lì riparto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.