Juric:"Ho tre giocatori fuori ma vogliamo provare a vincere contro la Juve" - IL TORO SIAMO NOI
Juric:"Ho tre giocatori fuori ma vogliamo provare a vincere contro la Juve" - IL TORO SIAMO NOI
Juric:"Ho tre giocatori fuori ma vogliamo provare a vincere contro la Juve" - IL TORO SIAMO NOI
Juric:"Ho tre giocatori fuori ma vogliamo provare a vincere contro la Juve" - IL TORO SIAMO NOI
Juric:"Ho tre giocatori fuori ma vogliamo provare a vincere contro la Juve" - IL TORO SIAMO NOI

Juric:”Ho tre giocatori fuori ma vogliamo provare a vincere contro la Juve”

Ivan Juric in conferenza stampa ha presentato la gara con la Juventus, che si disputerà domani alle 18 allo stadio Grande Torino Olimpico.

Ci sono emozioni particolari per il derby?

Vedo la squadra molto concentrata e sul pezzo. Ci teniamo a cercare di vincere dopo l’anno scorso che abbiamo sfiorato la vittoria’.

Teme la Juventus che è in crisi?Ha un ricordo particolare legato al derby?’

Avranno una forte emozione anche caratteriale. L’ambiente in momenti di difficoltà spesso riesce a compattarsi e i giocatori danno in più. Non so se la sconfitta con il Maccabi sia buona o meno per noi, certamente hanno grandissimi giocatori che non hanno reso per quanto potevano. Ci sono tratti nei quali esprimono potenza, accelerazioni e qualità. La mia esperienza è maggiormente legata al Genoa dove da giocatore spesso mi è andata bene’

Come si può far male alla Juve?’

Nell’ultima partita non hanno fatto bene, ma nelle precedenti a tratti avevano fatto buone prestazioni. Quando ti va male gira tutto male. Il Maccabi ha fatto male alla Juventus sulla trequarti e sui cross. Noi proveremo a fare il nostro gioco’

Vi manca un po’ l’apporto degli esterni?

Per il gol sì, ma con l’Empoli Lazaro e Aina sono stati bravi. Dobbiamo essere orgogliosi perché dopo l’arrabbiatura arrivi a casa e pensi che li abbiamo sfondati. Abbiamo fatto in generale una bella partita è mancando solo il gol. Le statistiche dicono che già dall’anno scorso ci mancano tanti gol: avevamo perso 9 punti, ora siamo già a 4. Dovevamo fare cinque gol in più e prenderne quattro in meno. Dobbiamo chiederci perché ci sia questo trend. La squadra dovrebbe essere in un’altra posizione per le statistiche e invece non lo è. Fa pensare, può essere sfortuna, qualità dei giocatori o modo di giocare. Con l’Empoli abbiamo dominato, dispiace non aver vinto perché non sarà sempre così e non saremo sempre così brillante’

‘Sanabria e Pellegri sono infortunati, non ci saranno. Pellegri da inizio settimana perché ha una vecchia cicatrice che gli dà fastidio e Sanabria ha leggero affaticamento, non si è allenato e la vedo dura’

Schuurs ha capacità ad avanzare palla al piede, ma dal punto difensivo è già in grado di affrontare attaccanti come quelli della Juventus?’

E’ il top per uscire palla al piede e avanzare e fa anche passaggi precisi e di altra qualità. Ha fatto passi in avanti a livello difensivo. Ci stiamo lavorando, ma siamo soddisfatti di quello che sta facendo. E’ un ragazzo sveglio, ma ogni partita è una prova, vediamo domani che cosa farà. Deve continuare e aumentare l’efficacia difensiva, domani sarà una bella prova per lui’

‘Anche Ricci non ci sarà: ha avuto 40 di febbre e sta prendendo antibiotici. Gli altri sono a posto’

Chi è il rigorista?
“E’ Lukic, già dall’anno scorso era lui, non cambio”

Il Toro è sempre meno italiano, con l’Empoli ha giocato solo con stranieri.
“Siamo multiculturali, è cambiato il calcio. Buongiorno vive diversamente il calcio da Aina o Schuurs. Hanno idee diverse, ma mi trovo bene con tutti. Anche con le lingue va bene. Mi piace l’italianità perché sono cresciuto qui da calciatore e allenatore. E’ importante avere valori del territorio, ma devi essere anche bravo a creare un gruppo con tutti gli stranieri, ora dobbiamo trovare un legame che li unisce tutti. Il gruppo si sta legando molto bene”

Domani ritroverà Bremer.
“E’ un top lo ha dimostrato facendo un salto di qualità andando dal Toro alla Juve, non è il massimo della vita, ma sono felice per lui. Guadagna molto di più e gioca la Champions. Voleva andare via l’anno prima e poi è diventato il miglior difensore della A. Ora gioca in maniera diversa, dovremo fare movimento perché se gli stai vicino ti mangia. Andare alla Juve è stata una scelta giusta per la sua carriera”

Rodriguez che giocatore e capitano è?
“E’ particolare, un professionista diverso da quello che siamo abituati: dal primo allenamento mi ha colpito, doveva andare via, ma ho visto che ha una preparazione per il suo corpo pazzesca. La sua testa è sempre e solo sulla partita. Ma se lo vedi in allenamento pensi che non sia quello che è. E’ uno silenzioso, non parla molto, ma la sua parola vale e i compagni lo ascoltano”

Come mai non avete aperto le porte del Filadelfia ai tifosi?
“Non ci è arrivata la richiesta. Io sono disponibile. A me non è arrivata nessuna richiesta”

Che Juve si aspetta?
“Allegri ha allenato la Juve per tanti anni e nel primo ciclo cambiava molto, ma domani non so cosa aspettarmi. Hanno giocato con il 3-5-2, 4-4-2 e 4-3-3. Con Di Maria si poteva inquadrare bene, ma non c’è e dovremo adattar ci alle situazioni. Dobbiamo fare bene mentalmente e psicologicamente, non possiamo sbagliare nulla”

Le opzioni in attacco sono Seck, Karamoh o c’è qualche altra possibilità?
“Abbiamo Miranchuk, Seck, Karamoh, Radonjic e Vlasic e di questi cinque ne sceglieremo tre. Miranchuk può fare di più, ma ci lega: ha una bella intesa con Lukic, non vorrei spostarlo dal suo ruolo. Piuttosto adatto qualcun altro al posto di Sanabria”

A gennaio dovrete trovare una soluzione per l’attacco?
“E’ presto e non entro più in certe situazioni o scelte. Mi concentro su ciò chi ho a disposizione e su cosa migliorare. Non voglio pensare ad altro”

Vincendo il derby entrerebbe nella storia del Toro. Sarebbe contento?
“Non penso a questo. Il gruppo merita una grande vittoria per le statistiche, per come siamo cresciuti, per cosa stiamo facendo. Ci meritiamo una grande soddisfazione e questa partita ce la può dare. Vogliamo fare una grande partita, proveremo a vincere. Ma non è un crocevia che cambia tutto in positivo o in negativo. Abbiamo sfiorato grandi risultati, ci meritiamo una grande soddisfazione”.

COMMENTA L'ARTICOLO