Nonostante tutto il Toro c'è! - IL TORO SIAMO NOI
Nonostante tutto il Toro c'è! - IL TORO SIAMO NOI
Nonostante tutto il Toro c'è! - IL TORO SIAMO NOI
Nonostante tutto il Toro c'è! - IL TORO SIAMO NOI
Nonostante tutto il Toro c'è! - IL TORO SIAMO NOI

Nonostante tutto il Toro c’è!

Il Torino supera le difficoltà e le tensioni battendo il Monza all’esordio nella partita valida per la 1.a giornata di Serie A. Radonjic inventa, Miranchuk e Sanabria colpiscono con un gol per tempo e stendono al tappeto il Monza di Stroppa.


Stroppa lancia subito dal primo minuto Pablo Marì al centro della difesa e Petagna, in coppia con Caprari. Juric mette Linetty al posto di Lukic (non convocato per motivi disciplinari). Davanti c’è il nuovo arrivo Miranchuk con Radonjic alle spalle di Sanabria. Il Monza parte spavaldo ma il Toro in ripartenza con la qualità di Radonjic fa male. Ci vuole un ottimo Di Gregorio, preferito a Cragno, per stoppare la conclusione di Sanabria su bel suggerimento di Ricci in profondità. Dall’altra parte i padroni di casa muovono bene la palla ma impensieriscono Milinkovic-Savic solo verso il minuto 20, con un destro potente (ma centrale) di Filippo Ranocchia. E’ una sbavatura di Marì ad aprire la strada della porta a Radonjic ma sul sinistro del serbo Di Gregorio si traveste da Superman e devia in angolo. Il Monza trova in Adopo l’anello debole del Torino, e ancora Ranocchia va vicino (di millimetri) al vantaggio con un sinistro a fil di palo. Al primo errore del Monza, però, il Torino colpisce; Radonjic ruba palla a Barberis, serve Sanabria, la cui sponda perfetta brucia Pablo Marì e permette a Miranchuk di realizzare con un sinistro morbido. E’ il gol che fissa il parziale sullo 0-1.


La ripresa si apre con Vlasic al posto proprio dell’autore del gol Miranchuk, fermato da un problema muscolare. Il Monza prova a reagire, ma le iniziative di Ranocchia e Birindelli si perdono in un nulla di fatto; dall’altra parte Vlasic prova a dare fastidio ai difensori brianzoli, che tengono bene. Stroppa cambia tre elementi, e inserisce Carboni, che tradisce immediatamente. Svirgolata clamorosa del difensore che regala palla a Ricci, il quale con un tocco morbido trova sul secondo palo Sanabria, che realizza in mezza rovesciata. Colpo durissimo per il Monza, che però va vicinissimo a riaprire la gara con un siluro di Birndelli (armato dal tacco di Mota, entrato al posto di Caprari), disinnescato da Milinkovic-Savic. Mota continua a illuminare, e Birindelli si sbatte come un dannato, ma il Monza non riesce a riaprire la questione, con il Torino che si difende bene. Anzi, i granata vanno vicini al tris, ma un recupero clamoroso di D’Alessandro salva Marì dopo l’ennesima figuraccia. Nel finale Di Gregorio con un paio di interventi su Radonjic e Aina evita un passivo peggiore per i suoi, e all’ultima azione Mota approfitta di una mezza sbavatura di Milinkovic-Savic e Segre trova il primo gol storico del Monza  in A. Vano, perché vince il Torino.

COMMENTA L'ARTICOLO