Rcs-Blackstone: respinta l'impugnazione di Cairo - IL TORO SIAMO NOI
Rcs-Blackstone: respinta l'impugnazione di Cairo - IL TORO SIAMO NOI
Rcs-Blackstone: respinta l'impugnazione di Cairo - IL TORO SIAMO NOI
Rcs-Blackstone: respinta l'impugnazione di Cairo - IL TORO SIAMO NOI
Rcs-Blackstone: respinta l'impugnazione di Cairo - IL TORO SIAMO NOI

Rcs-Blackstone: respinta l’impugnazione di Cairo

Rcs-Blackstone, niente da fare per Urbano Cairo: il lodo arbitrale sugli immobili di via Solferino è valido. Secondo quanto fatto sapere dall’Ansa, la Corte d’Appello di Milano ha appena rigettato “integralmente” l’impugnazione proposta dal gruppo editoriale” che aveva ad oggetto il ricorso sui “lodi arbitrali” sulla vendita per circa 120 milioni di euro della storica sede del quotidiano Corriere della Sera di via Solferino al fondo statunitense Blackstone.

Rcs-Blackstone, il lodo arbitrale
Nel maggio dello scorso anno il Tribunale arbitrale della Camera di Commercio di Milano aveva respinto le istanze di Rcs e stabilito che l’acquisto da parte degli americani nel 2013 e il riaffitto a 10,4 milioni l’anno erano regolari e che nessun risarcimento era dovuto. Pur riconoscendo che la situazione economica e finanziaria in cui il gruppo editoriale si trovava al momento della cessione aveva influito sulle sue scelte, i giudici avevano concluso che, sia pure in un contesto non privo di ambiguità ed incertezze, non sono emersi elementi tali da configurare con certezza l’esistenza di un fenomeno come l’usura. 

I giudici avevano però respinto le accuse dell’asset manager fondato da Stephen Schwarzman sulla temeriarietà della lite da parte di Cairo. Contro il lodo arbitrale pronunciato sulla vicenda, Rcs ha presentato, poi, impugnazione alla Corte d’Appello di Milano, discussa dai legali delle due parti in un’udienza il 4 maggio scorso ed oggi è arrivata la decisione del collegio della prima sezione presieduto da Carla Romana Raineri.

Il 25 luglio l’udienza della Supreme Court di New York

Il secondo round della lunga querelle giudiziaria dunque va agli americani. Ora bisognerà attendere ancora una quarantina di giorni per capire come evolverà la vicenda. Come riportato infatti da MF-Milano Finanza, l’udienza della Supreme Court di New York inizialmente prevista per il 26 maggio è stata spostata al 25 luglio.