Toro-Spezia: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Spezia: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Spezia: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Spezia: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Spezia: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI

Toro-Spezia: probabili formazioni

Il Torino di Ivan Juric sfida in casa lo Spezia di Thiago Motta nell’anticipo della 34ª giornata di Serie A. I piemontesi sono undicesimi in classifica con 40 punti, frutto di 10 vittorie, 10 pareggi e 12 sconfitte, mentre i liguri vanno a caccia di punti per raggiungere il prima possibile il traguardo della salvezza matematica e si trovano in 15ª posizione a quota 33 con un bilancio di 9 vittorie, 6 pareggi e 18 sconfitte.



Il Torino finora non è mai riuscito a battere lo Spezia in Serie A: l’unico precedente fra le due squadre in casa dei granata, giocatosi il 16 gennaio 2021, è terminato con un pareggio per 0-0. Si fronteggiano da un lato la squadra che ha subito più tiri totali nel corso dell’attuale campionato (562), lo Spezia, dall’altra quella che ne ha subito meno di tutti (97), ovvero il Torino.

Benché nelle statistiche non venga conteggiata come sfida di Serie A, il Grande Torino di Valentino Mazzola sfidò I Vigili del Fuoco di La Spezia nel Girone finale del Campionato Alta Italia del 1944, e perse 2-1 lo scontro diretto con gli Aquilotti. Sulle maglie dell’attuale club campeggia un distintivo speciale in memoria di quell’impresa.

Il Torino arriva da una sconfitta, una vittoria e 2 pareggi consecutivi nelle ultime 4 giornate, mentre lo Spezia ha riportato 2 sconfitte, una vittoria e un pareggio nelle precedenti 4 partite. Josip Brekalo, con 6 goal, è il giocatore più prolifico del Torino in Serie A, con lo stesso bottino realizzativo troviamo anche Daniele Verde, miglior marcatore dello Spezia.

PROBABILI FORMAZIONI TORINO-SPEZIA

Juric avrà diversi elementi ai box per infortunio: da Belotti a Zaza, passando per Djidji, Fares, Warming ed Edera. Ma anche Izzo e Pobega sono acciaccati e non dovrebbero recuperare. Per il tecnico croato le scelte di formazione nel 3-4-2-1 dei granata sono dunque pressoché obbligate. Davanti c’e dubbio tra Sanabria e Pellegri, ad agire da centravanti, con Pjaca (in vantaggio su Linetty) e Brekalo trequartisti al suo sostegno. A centrocampo spazio a Lukic accanto a Samuele Ricci, con Singo a destra (favorito su Ola Aina) e Vojvoda a sinistra. Mandragora corre verso il recupero: sarà in panchina. In difesa, davanti al portiere Berisha, Zima, Bremer e Ricardo Rodríguez formeranno la linea a tre.

Thiago Motta non potrà disporre soltanto di Colley e Sena, infortunati di lungo corso, e potrebbe confermare sul piano tattico il 4-3-1-2. Fra i pali agirà Provedel, con Erlic e Nikolaou coppia centrale e Amian e Reca terzini. In mediana Kiwior sarà il playmaker, con Maggiore e Simone Bastoni nel ruolo di mezzali. In attacco Manaj dovrebbe spuntarla su Agudelo per far coppia con Gyasi. Alle loro spalle ci sarà Kovalenko (favorito su Verde) in posizione di trequartista.

TORINO (3-4-2-1): Berisha; Zima, Bremer, Rodriguez; Singo, Lukic, Ricci, Vojvoda; Pjaca, Brekalo; Sanabria.

SPEZIA (4-3-1-2): Provedel; Amian, Erlic, Nikolaou, Reca; Maggiore, Kiwior, Bastoni; Kovalenko; Manaj, Gyasi.