Casini,nuovo presidente di Lega:"Ero un grande tifoso della Juventus" - IL TORO SIAMO NOI
Casini,nuovo presidente di Lega:"Ero un grande tifoso della Juventus" - IL TORO SIAMO NOI
Casini,nuovo presidente di Lega:"Ero un grande tifoso della Juventus" - IL TORO SIAMO NOI
Casini,nuovo presidente di Lega:"Ero un grande tifoso della Juventus" - IL TORO SIAMO NOI
Casini,nuovo presidente di Lega:"Ero un grande tifoso della Juventus" - IL TORO SIAMO NOI

Casini,nuovo presidente di Lega:”Ero un grande tifoso della Juventus”

Il nuovo presidente della Lega Serie A, Lorenzo Casini, si è concesso in una lunga intervista al Corriere dello Sport in cui traccia le linee guida per il futuro del calcio italiano.

PROGETTI – “Cosa me l’ha fatto fare? Mi ha convinto quanto il calcio potrebbe fare, e ancora non fa, per il Paese. Non dico ovviamente solo in termini economico-finanziari e di indotto. Ma in quanto risorsa “pubblica”. È un’opportunità che non voglio perdere”.

CHI L’HA SCELTO – “Non è stato solo lui, sono stati in più a chiedermi una disponibilità. Alla fine tutto il gruppo degli undici che mi hanno votato. Li ringrazio di cuore per aver puntato su di me. Ma sia prima, sia dopo l’elezione ho parlato con tutti. Non sono il riferimento di un club o di una maggioranza, ma di tutta la serie A. Tra gli undici ci sono anche proprietà americane, che sono stato felice di conoscere. La Juventus si è astenuta, ma poi mi ha manifestato supporto, e in questi giorni ho scambiato punti di vista con loro. L’Inter e il Milan immaginavano un profilo diverso, me lo hanno detto, ma nulla di personale”.

SCONTRO CON FIGC – “Ghirelli al posto del mio predecessore? Lo avevano già deciso a metà febbraio. Non ho condiviso i tempi e i modi e l’ho detto. Sarebbe stato meglio attendere l’elezione del presidente della Lega di A e poi votare il secondo vicepresidente federale. Mi auguro che non si ripeta per il futuro, nei confronti di qualsiasi componente. Mi renderò comunque utile alla Figc nel comitato di presidenza”.

RIFORME? NI – “I principi informatori non sono norme di dettaglio, che possano vincolare l’autonomia statutaria della Lega in ogni suo profilo. Sugli aspetti economici, un’associazione privata è libera di organizzarsi come ritiene, nel rispetto della legge. A Gravina l’ho detto, come avviene tra soggetti che collaborano con lealtà e si riconoscono nella loro reciproca autonomia. La proroga del commissario ad acta Terracciano rischiava di configurare un controllo su aspetti che non riguardano i principi, ma altri profili riservati all’autonomia della Lega. L’ho fatto presente e il presidente Gravina, che ringrazio, mi ha rassicurato”.

INDICE DI LIQUIDITA’ – “Siamo in una fase di post-emergenza e si è giocato con gli stadi solo parzialmente aperti. Ci vuole gradualità, fermo restando l’obiettivo di puntare alla sostenibilità finanziaria. Ma la liquidità, come emerso già in Consiglio federale, non può essere un elemento esclusivo, per cui società sane dal punto di vista patrimoniale rischino di essere penalizzate di fronte a una temporanea difficoltà di cassa. Ci attende un mese di lavoro intenso con la Federazione per trovare un punto di equilibrio ragionevole per tutti. Lazio, Sampdoria e Genoa a rischio? Non mi risulta. Anche perché non ci sono neanche dati aggiornati e qualunque riferimento a singole società, non verificato, può solo determinare danni d’immagine e allarmi ingiustificati”.

PLUSVALENZE – “Il sistema va migliorato. E le prime a volerlo sono le società. L’indebitamento parte da lontano. Quanto alle plusvalenze, non è un fenomeno solo italiano. Lo affronterò, insieme con i presidenti, con la giusta misura. Realizzare profitti da una compravendita resta un sano obiettivo d’impresa».

LITIGI IN LEGA  – “L’agonalità appartiene allo sport e quindi anche alla Lega. Proverò a convogliarla verso gli obiettivi comuni! La classe dirigente del calcio spero sia all’altezza di questa sfida. Vedo analogie con alcuni settori della pubblica amministrazione. Ci sono potenzialità enormi, ma mancano alcune competenze per tradurle in atto”.

STADI – “Sugli stadi mi colpiscono due cose. Hanno un’età media di oltre sessant’anni anni, e in nove casi su dieci non sono dotati di impianti efficienti sotto il profilo energetico. Il Piano nazionale di ripresa e resilienza, il cosiddetto Pnrr, può essere un’occasione per riqualificarli. Non possiamo perderla. Lo stadio è una risorsa, non solo in senso sportivo. È anche un’infrastruttura di potenziamento tecnologico ed è un potente luogo di inclusione sociale”.

SUPERLEGA – “La Superlega è stata vissuta come un tema divisivo, quando merita comunque un coinvolgimento di tutte le società. Da un punto di vista puramente personale, vedo le ragioni che hanno portato a immaginarla, in Italia e altri Paesi, ma una riforma di questo tipo non può essere disegnata senza valutare con attenzione tutte le ricadute sull’intero sistema”.

ARBITRI – “L’’arbitro in Italia è forse il mestiere più difficile che esista. Nel calcio la velocità lo rende ancora più arduo. Non si è ancora trovato il connubio positivo tra tecnologia e fattore umano, perché siamo in una fase di sperimentazione. Challenge? Nessuna preclusione, a patto che la tecnologia serva per migliorare la decisione e non per complicarla”.

TIFO – “Io grande tifoso della Juve? Lo ero fino all’11 marzo 2022. Adesso tifo per la serie A”.