Il Toro resuscita anche il Genoa,che non vinceva da 187 giorni - IL TORO SIAMO NOI
Il Toro resuscita anche il Genoa,che non vinceva da 187 giorni - IL TORO SIAMO NOI
Il Toro resuscita anche il Genoa,che non vinceva da 187 giorni - IL TORO SIAMO NOI
Il Toro resuscita anche il Genoa,che non vinceva da 187 giorni - IL TORO SIAMO NOI
Il Toro resuscita anche il Genoa,che non vinceva da 187 giorni - IL TORO SIAMO NOI

Il Toro resuscita anche il Genoa,che non vinceva da 187 giorni

Dopo sette pareggi di fila il Genoa di Blessin centra finalmente la prima vittoria in stagione contro un Torino a tratti irriconoscibile e completamente incapace di sfruttare gli oltre settanta minuti di superiorità numerica. Vittoria che ridà tantissimo morale ai padroni di casa, rilanciati in chiave salvezza dopo mesi di agonia.


Dopo sole due reti in sette match ed una sensazione quasi di impossibilità a segnare da parte dei suoi attaccanti, il Genoa passa incredibilmente in vantaggio alla prima occasione utile: quindicesimo minuto, cross dalla destra di Frendrup, buco pazzesco della difesa del Torino complice una pessima uscita di Berisha e comodo tap-in di Portanova, che a porta sguarnita deve solo appoggiare in rete. 

Gli uomini di Blessin sembrano in controllo del match ma l’imprevisto è dietro l’angolo e si manifesta sotto forma di un cartellino rosso sventolato al minuto ventiquattro ad Ostigard per somma di ammonizioni, situazione che mette decisamente in salita la strada verso il successo. 

La prima occasione di rilievo per il Torino arriva alla mezz’ora con un colpo di testa da ottima posizione di Vojvoda che scheggia la traversa. Tocca poi a Belotti cestinare da buona posizione un ottimo servizio di Lukic dieci minuti più tardi, consentendo così al Genoa di chiudere in vantaggio la prima frazione di gioco.



L’inferiorità numerica del Genoa e la mancanza di ispirazione offensiva del Torino offrono uno spettacolo non particolarmente frizzante per ampi tratti della ripresa, giocata a ritmi piuttosto bassi dalle due squadre con tanti falli sui due lati del campo. Il Genoa si fa vedere in ripartenza con il neo-entrato Yeboah al settantesimo: la conclusione dell’attaccante italiano è potente ma troppo centrale per impensierire Berisha.

Il Torino si fa vedere con una conclusione volante di Singo alta di svariati metri, emblematica di un attacco sterile come poche altre volte in stagione. Il Genoa ha un’ottima occasione per sigillare il match al minuto ottantotto con un destro dal limite di Badelj che termina alta di un soffio, comunque l’ultima occasione di una partita che gli uomini di Blessin portano a casa in maniera stra-meritata. La maledizione del pareggio è finita: stasera i rossoblù portano a casa tre punti.

Un altro record per il Toro di Cairo,far vincere chi non vince mai.