Toro-Cagliari: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Cagliari: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Cagliari: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Cagliari: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Cagliari: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI

Toro-Cagliari: probabili formazioni

Nel 2022 i rossoblù (12 punti) sono la quinta squadra di Serie A per punti conquistati dietro Napoli (15), Milan (14) e la coppia Juventus e Verona (13). Da una parte il Cagliari è la squadra che ha subito più reti su palla inattiva (20), dall’altra il Torino è la squadra che ne ha realizzati di meno da questa situazione di gioco.

Da una parte la striscia positiva contro il Cagliari, dall’altra la striscia negativa che va avanti da oltre un mese: così il Toro si presenta all’appuntamento di domani contro i sardi. I granata hanno perso soltanto due volte negli ultimi 14 precedenti contro i rossoblu e hanno una media di 1.9 gol a segnati a partita, ma l’ultimo successo degli uomini di Ivan Juric risale allo scorso 15 gennaio a Marassi contro la Sampdoria. E, in questo primo anno con il tecnico croato alla guida, non sono mai arrivati a cinque gare consecutive senza vittorie. Ecco perché diventa fondamentale il confronto con Walter Mazzarri, con Bremer e compagni che vogliono ripartire da quanto di buono mostrato nel derby contro la Juventus e cancellare definitivamente le brutte figure collezionate contro Udinese e Venezia. E al Filadelfia, oltre agli aspetti tecnico-tattici, si è lavorato molto sulle palle inattive: il gol di De Ligt nella stracittadina è arrivato su un errore di posizionamento di tutta la retroguardia, Vanja Milinkovic-Savic in primis, mentre in zona offensiva sono arrivati soltanto tre gol, il dato peggiore di tutta la serie A. E poi ci sono i due simboli granata, Gleison Bremer e Andrea Belotti, che hanno proprio nel Cagliari la loro vittima preferita. Il brasiliano ha segnato due volte contro i sardi (esattamente come il Genoa, le squadre cui ha realizzato più reti), mentre il Gallo è entrato attivamente in 11 marcature nelle ultime 11 sfide contro la formazione di Mazzarri, dietro soltanto al Sassuolo. Quello di domani sarà il secondo lunch-match disputato da Juric sulla panchina granata, l’unico precedente è positivo: alle 12.30, infatti, il suo Toro riuscì ad imporsi sul Bologna per 2-1 nello scorso dicembre.


Il problema, semmai, è rappresentato proprio da Mazzarri, una sorta di bestia nera per il croato. Il toscano, infatti, è imbattuto nei confronti personali con l’attuale tecnico granata: in tre sfide ha collezionato una vittoria e due pareggi, domani è in programma il quarto faccia a faccia. E Juric sta cercando le contromisure da adottare tra le mura del Filadelfia.

Juric si affida a Belotti sostenuto da Brekalo e Pobega. Ricci verso una maglia in mezzo al campo, Singo e Vojvoda esterni, Zima in difesa.

Cagliari con Altare o Carboni in retroguardia, Deiola o l’ex Baselli mezzala e Pereiro accanto a Joao Pedro in attacco.

PROBABILI FORMAZIONI TORINO-CAGLIARI

TORINO (3-4-2-1): Milinkovic-Savic; Zima, Bremer, Rodriguez; Singo, Lukic, Ricci, Vojvoda; Brekalo, Pobega; Belotti.

CAGLIARI (3-5-2): Cragno; Goldaniga, Lovato, Altare; Bellanova, Deiola, Grassi, Marin, Dalbert; Pereiro, Joao Pedro.