La Guardia di Finanza nella sede dell'Inter - IL TORO SIAMO NOI
La Guardia di Finanza nella sede dell'Inter - IL TORO SIAMO NOI
La Guardia di Finanza nella sede dell'Inter - IL TORO SIAMO NOI
La Guardia di Finanza nella sede dell'Inter - IL TORO SIAMO NOI
La Guardia di Finanza nella sede dell'Inter - IL TORO SIAMO NOI

La Guardia di Finanza nella sede dell’Inter

Dopo la Juventus, anche l’Inter finisce nel mirino per il caso plusvalenze. La Procura di Milano, che sta indagando sulla vicenda venuta alla luce nelle ultime settimane, ha ordinato una perquisizione da parte della Guardia di Finanza nella sede nerazzurra. A riportarlo è il ‘Corriere dello Sport’.

Secondo l’edizione online del quotidiano, sono stati acquisiti dei documenti con l’ipotesi di falso in bilancio contro ignoti. La vicenda, che come detto si riferisce al caso plusvalenze, racchiude il biennio compreso tra il 2017 e il 2019.

La procura di Milano, dietro disposizione della procura, ha acquisito documenti presso le sedi dell’Inter e della Lega di Serie A. A renderlo noto è il procuratore Targetti, mentre in un comunicato della stessa procura sottolinea come le attività “sono dirette ad acquisire documentazione relativa alle cessioni da parte dell’Inter dei diritti pluriennali sulle prestazioni di taluni calciatori relativamente agli esercizi 2017/2018 e 2018/2019 al fine di verificare la regolarità della contabilizzazione.

Anche il Milan è finito nel mirino: nei confronti del club rossonero, sempre secondo il ‘Corriere della Sera’, non sono però emerse irregolarità.