Lotito allontanato dal Consiglio Federale,non poteva partecipare

Incidente diplomatico stamattina in Federcalcio dove Claudio Lotito è stato cortesemente allontanato dal presidente Gravina prima del Consiglio Federale.

A raccontare quanto successo è stato lo stesso Lotito, intercettato dai giornalisti presenti sul posto: “È una situazione kafkiana”. Gravina avrebbe spiegato a Lotito che non poteva partecipare al Consiglio in quanto ancora squalificato per il caso tamponi.

Una posizione non condivisa da Lotito, che ha chiesto di mettere a verbale una breve dichiarazione in cui si sottolinea che “il consigliere Lotito ritiene illegittimo il rifiuto di consentirgli la partecipazione al consiglio federale odierno. In quanto fin dal 7 settembre scorso, non esiste alcuna sanzione che possa impedirgli il suo diritto di esercitare le funzioni di consigliere federale. Allo stato attuale nei suoi confronti pende un mero deferimento”.

Lotito era stato inizialmente squalificato per 12 mesi, sentenza poi rispedita dal Collegio di Garanzia del CONI alla Corte Federale per una “rimodulazione della pena”. Non abbastanza per partecipare al consiglio odierno, evidentemente.