Commisso:"Juve e Inter piene di debiti,così si falsa tutto" - IL TORO SIAMO NOI
Commisso:"Juve e Inter piene di debiti,così si falsa tutto" - IL TORO SIAMO NOI
Commisso:"Juve e Inter piene di debiti,così si falsa tutto" - IL TORO SIAMO NOI
Commisso:"Juve e Inter piene di debiti,così si falsa tutto" - IL TORO SIAMO NOI
Commisso:"Juve e Inter piene di debiti,così si falsa tutto" - IL TORO SIAMO NOI

Commisso:”Juve e Inter piene di debiti,così si falsa tutto”

Rocco Commisso, presidente della Fiorentina, ha parlato così a 90° Minuto su Rai 2: “Abbiamo speso 170 milioni per comprare la Fiorentina, 80 per le perdite degli ultimi due anni, per il centro sportivo stiamo progettando di spendere 87 milioni. Arriviamo quasi a 350 milioni di euro di investimenti per la Fiorentina. Se fossero stati altri tempi non avrei potuto fare tutto questo. Io sono americano, ma sono nato in Italia e tornato in Italia per dare quello che il Paese e il calcio ha dato a me. Avevo opportunità di investire in qualsiasi parte d’Europa, ma sono venuto a Firenze. Ma nel calcio non si fanno soldi, si perdono soldi. Abbiamo comprato la società a prezzo chiuso”.

“Lotito, De Laurentiis, Percassi hanno fatto buonissimi lavori nelle loro società. Hanno comprato le loro società per pochi soldi. Io ho preso a ‘prezzo pieno’, è una cosa diversa. Ma questi tre hanno fatto benissimo. Ancora gli americani e i cinesi non hanno fatto niente qui, e non abbiamo fatto soldi. Ammiro questi tre, speriamo che la Fiorentina possa arrivare a quel punto”.

“Ho avuto l’opportunità di comprare il Milan, poi mister Lee ha fatto una stupidaggine che in pochi mesi ha speso 4-500 milioni. Le regole del calcio devono essere trasparenti: non è possibile che la Fiorentina porti soldi in Italia per essere in regola con l’indice di qualità, mentre altre squadre come Inter, Juve e non solo non erano ok con l’indice, quando i giocatori non sono pagati. C’è un senso di falsità nel calcio, come quando l’arbitraggio non è buono. Bisogna essere trasparenti, sapere chi è in regola e chi non è in regola. Perché io devo essere in regola con quest’indice di liquidità e altri no? E i giocatori devono essere pagati. A quanto ho letto sui giornali le regole non sono state rispettate per l’indice di liquidità. A settembre e a marzo ci devono essere delle scadenze, se non sono rispettate le squadre sono penalizzate con i punti o non possono fare il mercato. E quest’anno non è successo questo. La Fiorentina paga tutto, non c’è stato un euro che non è stato pagato in questi due anni. Ognuno dei nostri giocatori è pagato. La Fiorentina, tra le grandi squadre, è l’unica che non ha debiti. E sono contento e orgoglioso di dirlo. I debiti si fanno in America e qui si portano cash. Voglio che le altre facciano come noi. Se ci sono i problemi le altre portino soldi come facciamo noi. La Juve 200 milioni di perdite, qualcun altro 150. Dobbiamo avere un campionato con trasparenza e dove tutti siano trattati in maniera uguale”.“Certe volte sbagliano per uno, altre per un altro. A noi a volte ci hanno penalizzato, per fortuna quel rigore ieri è stato al 95′ dopo che noi avevamo fatto due gol. Quello non era rigore, ma non voglio fare polemiche. Ieri Gasperini era tutto sorridente perché ha vinto. Per una settimana ha pianto. Quelli del nord piangono sempre, fanno così. Speriamo che ora si diano una calmata, non va bene fare critiche per una settimana su quei casi: come tutti hanno detto quei rigori erano giusti”.“Sky deve imparare che non controlla lo sport in Italia, la competizione con DAZN fa bene a loro e al nostro calcio. Abbiamo chiuso il contratto più importante della storia della Serie A in America e sono orgoglioso di aver portato più soldi io di quanti non ne faccia la MLS”.