Juric:”Sono già nel cuore dei tifosi?Si vede che erano disperati…”

“Il Sassuolo? E’ una realtà consolidata: si conoscono da anni, hanno giocatori importanti e giocano nel segno di De Zerbi: Dionisi è molto simile al tecnico precedente”. Lo ha dichiarato il tecnico del Torino, Ivan Juric, in vista del prossimo impegno di campionato, contro il Sassuolo: “E’ una squadra che va molto spesso alla conclusione, speriamo di farli tirare un po’ meno mettendoli in difficoltà. In avanti abbiamo diverse opzioni, quattro giocatori in questo momento perché Verdi è fuori. Si cambia molto durante le partite, alla fine tutti giocheranno. Mi attendo delle conferme dalla squadra: ho tanti nuovi giocatori che ancora devo conoscere bene e sono curioso di conoscerli tutti. La qualità, rispetto al passato, è migliorata, non penso si tratti di una questione psicologica, guardando il Torino del passato non vedo questo problema”.

“Col Sassuolo una super partita: me lo sento”

E ancora: “Ho voglia di giocare una super partita con il Sassuolo: lo sento e ne sono convinto. Ho elementi di talento e qualità. Brekalo e Praet si sono inseriti bene, Zima è un giovane molto interssante. Sono sereno, ho un gruppo che si applica tantissimo, tutto il contrario di quello che mi avevano detto, mi è bastato poco per motivarli, per me è una grande soddisfazione”. Sull’affetto già conquistato del pubblico, Juric replica con una battuta: “Si vede che erano talmente disperati che sono bastate 3 partite per farli affezionare…”, poi torna serio: “I tifosi granata sono partecipi, vogliono vedere la squadra all’attacco e che dia tutto: cercheremo di soddisfarli”. La chiosa è su Torino… città: “Non pensavo fosse così bella, San Salvario affascina me e mia moglie, ci andremo spesso. Siamo tutti di entusiasti Torino”.