È morto Giampiero Boniperti - IL TORO SIAMO NOI
È morto Giampiero Boniperti - IL TORO SIAMO NOI
È morto Giampiero Boniperti - IL TORO SIAMO NOI
È morto Giampiero Boniperti - IL TORO SIAMO NOI
È morto Giampiero Boniperti - IL TORO SIAMO NOI

È morto Giampiero Boniperti

E’ morto nella notte a Torino per una insufficienza cardiaca Giampiero Boniperti, presidente onorario della Juventus, di cui è stato una bandiera prima come calciatore e poi come dirigente. Lo rende noto la famiglia.
Boniperti, che negli ultimi anni si era ritirato a vita privata, avrebbe compiuto 93 anni il prossimo 4 luglio. I funerali si svolgeranno nei prossimi giorni in forma privata per volere della famiglia.

Da avversario Boniperti ricordava spesso il Grande Torino queste le sue parole.

“Lascerei da parte ogni retorica, campanilismo e rivalità. Il Grande Torino era una grandissima squadra. Io, quando giocavo nelle riserve della Juventus, spesso andavo a vederlo allo stadio perché era uno spettacolo eccezionale. Aveva un complesso di giocatori fenomenale che, secondo me, sarebbero stati grandissimi perfino oggi. Sì, oggi. Perché erano talmente formidabili che si sarebbero adattati a qualsiasi sistema o metodo di gioco. Erano un gruppo unito, un gruppo di amici che nella loro unione trovavano ulteriore forza. Io ho avuto modo di frequentare tanto alcuni di loro, il famoso Trio Nizza, ovvero Martelli, Bacigalupo e Rigamonti ai quali ero molto legato. Sì, sarebbero fortissimi anche oggi, lo dico con l’esperienza dei miei tanti anni di calcio. E Mazzola era l’anima di quella squadra, l’anima grande di un complesso grande. Era potente, di classe, aveva un grandissimo temperamento”.