Toro 1-0 Parma: tre punti verso la salvezza per i granata

Il Torino fa un grande passo verso la salvezza, ora più vicina: sono tre i punti di vantaggio sul Benevento terzultimo, peraltro con una gara ancora da recuperare. Finiscono qui le speranze del Parma, ufficialmente retrocesso in B dopo due stagioni.

Partenza sprint per gli emiliani grazie alle folate del solito Gervinho, ma sono i granata a bussare dalle parti di Sepe: Belotti e soprattutto Sanabria impensieriscono la coppia Bruno Alves-Dierckx, divisi da ben 22 anni di differenza. Il più pericoloso della truppa di Nicola è però un esterno: Ansaldi è in stato di grazia e si coordina alla perfezione, scheggiando la traversa e sfiorando l’1-0. Piove sul bagnato per D’Aversa che perde per infortunio Brugman, sostituito da Kurtic.

Il Toro che torna in campo dagli spogliatoi è una squadra dal piglio decisamente diverso, intenzionata a sbloccare il risultato ad ogni costo. Obiettivo brillantemente raggiunto con un’azione in bello stile, da un quinto all’altro: fa tutto lo scatenato Ansaldi, il pallone per Vojvoda è soltanto da spingere in rete. Prima gioia personale in Serie A per l’esterno kosovaro.

Belotti prova a caricarsi la squadra sulle spalle ma il 2-0 non arriva: prima è un fuorigioco a negargli la soddisfazione, poi è il turno del palo esterno. La gara si trascina senza troppe emozioni fino al triplice fischio, che decreta tre punti d’oro per il Torino e sancisce l’addio alla Serie A del Parma.

IL TABELLINO E LE PAGELLE

TORINO-PARMA

Marcatori: 63′ Vojvoda

TORINO (3-5-2): Sirigu 6; Izzo 6.5, Nkoulou 6, Bremer 6.5; Vojvoda 7, Lukic 6.5, Baselli 6.5, Rincon 6 (82′ Linetty sv), Ansaldi 7; Sanabria 5, Belotti 6 (82′ Zaza sv). All. Nicola

PARMA (4-3-3): Sepe 5.5; Laurini 6 (75′ Busi 6), Bruno Alves 5.5, Dierckx 5.5 (46′ Gagliolo 6), Pezzella 5.5; Hernani 6 (84′ Pellè sv), Brugman 6 (32′ Kurtic 5.5), Grassi 5.5 (75′ Brunetta 5.5); Kucka 6, Cornelius 5, Gervinho 5. All. D’Aversa

Arbitro: Aureliano

Ammoniti: Dierckx (P), Hernani (P), Kucka (P)

Espulsi: nessuno

COMMENTA L'ARTICOLO