Nicola:”Ogni partita è fondamentale”

Davide Nicola ha parlato nella conferenza stampa odierna del posticipo che i granata giocherano domani contro il Parma.

Quali sono le insidie per domani?
“Qualsiasi cosa che facciamo nella vita ci sono insidie. E’ importante credere in ciò che facciamo, dare il massimo e non mollare mai. Da quando sono arrivato, abbiamo avuto tante insidie e abbiamo capito come potevamo migliorare. Ogni giorno ho pensato di potercela fare, conta ciò che vogliamo noi”.

E’ come una finale?
“Non uso questo termine. Vogliamo vincere tutte le partite, ci siamo dati da fare per creare un ambiente unito. I tifosi ci fanno sentire il loro calore e la società non ci mancare nulla”.

Il Parma ha meno pressioni?
“E chi lo dice? Dobbiamo pensare a noi e a cercare di chiudere al meglio”.

Quali corde ha toccato dopo il Napoli?
“Gli episodi influenzano le partite. Non cambiamo atteggiamento in base ai risultati, portiamo avanti il nostro percorso. La capacità di essere relisienti è la cosa più importante”.

Da cosa è rassicurato di più in vista del finale di campionato?
“Lavoriamo duramente, la squadra ha dimostrato di avere dei valore. Siamo riusciti ad estendere la lotta salvezza ad altre squadre, a noi interessa solo il massimo”.null

Avrete tre scontri diretti.
“Pensiamo che abbiamo sei partite, ogni gara è importante. E in ogni sfida abbiamo dedicato il necessario impegno”.

Potete partire con il tridente?
“Abbiamo una nostra identità, è l’unica cosa che conta”.

Può essere l’occasione di Baselli dopo un anno da incubo?
“Non abbiamo incubi, ma sogni da realizzare. Baselli si è allenato, se giocherà lo farà con serenità. Crediamo in lui e in tutta la squadra”.

E’ la prova più importante da quando è al Toro?
“In che senso? Dico che ogni tappa è fondamentale, con il percorso che si chiuderà il 23 maggio. Vogliamo raggiungere ciò che desideriamo, al resto non saprei rispondere”.

Come gestirà le diffide?
“E’ impossibile esserci sempre tutti, nel gruppo Toro sono tutti in grado di dare il proprio contributo. Cerchiamo di mettere sempre in campo la formazione migliore, anche da subentrati”.

Martedì sarà il 4 maggio.
“Da giocatore, ma soprattutto da allenatore che hai responsabilità personale aumenta ancora di più l’importanza. La storia si respira ovunque, è difficile al Filadelfia non essere concentrato sul tuo lavoro o non avere l’appartenenza a questa storia. Questa squadra ha dimostrato grandissimi valori: se noi seguiamo questi valori, possiamo fare cose importanti”.

COMMENTA L'ARTICOLO