Coronavirus, Ogbonna: “In Inghilterra deridevano gli italiani”


Il difensore italiano del West Ham, Angelo Ogbonna, ha rilasciato un’intervista a Tuttomercatoweb.com, in cui ha parlato della situazione in Inghilterra. Ecco le sue parole:

“Inizialmente c’era scetticismo, l’emergenza è stata gestita in modo superficiale. Credo ci sia stata l’intenzione anche di provare a tutelare il paese economicamente dopo la Brexit”.


Sulla reazione degli inglesi alla situazione in Italia:

“Inizialmente ci deridevano, pensavano che stessimo esagerando ed esasperando la questione. Io vivo a Londra ma sono da subito stato preoccupato per noi e per la famiglia in Italia. Devo dire la verità: nell’aria, almeno a Londra, la preoccupazione c’era. Supermercati vuoti, meno gente a giro. Però Londra non è l’Inghilterra”.


Sulla Premier League:

“Aspettiamo direttive future da parte della FA per capire cosa faremo. Ci sono altre priorità, adesso che anche Johnson è positivo al Covid19, la preoccupazione è cresciuta”.


Sulla sua situazione personale: 

“E’ una situazione particolare. Vivendo all’estero è anche più difficile, per noi ma per le nostre compagne. Abbiamo già un figlio e ora aspettiamo, tra un mese, il secondo, e per lei è dura. Non c’è il sostegno dei genitori, come in occasione del primo bambino. C’è stata una mano importante lì, anche a livello di presenza, qui siamo limitati. Faccio e facciamo il possibile ma è chiaro che devi dare la stessa importanza al figlio che c’è, a quello che arriverà, in una situazione diversa, di quarantena”.


COMMENTA L'ARTICOLO