Cairo: «Inevitabile il taglio agli stipendi dei calciatori»


Il taglio agli stipendi dei calciatori «sarà inevitabile». Lo ha affermato il presidente del Torino, Urbano Cairo, in un’intervista al quotidiano La Stampa.

«Siamo di fronte a un problema di sistema che rischia di implodere senza accorgimenti importanti», ha affermato il numero uno del club granata, «Credo che i calciatori siano i primi a non volerlo, sono ragazzi che hanno testa. Qui bisogna limitare i danni, poi si penserà alla ricostruzione economica. Del calcio come di tutti gli altri settori».


Cairo si è anche soffermato sulle modalità allo studio da parte dei club di Serie A, che dovrebbero proporre il congelamento degli stipendi all’8 marzo, giorno in cui si sono disputati i recuperi della 12esima giornata del campionato, nell’ambito di una contrattazione collettiva con i rappresentanti dei calciatori.

«Il riferimento all’8 marzo mi sembra plausibile», ha osservato Cairo, «E sarà una contrattazione collettiva perché è giusto che i sacrifici siano ripartiti in maniera equa».


COMMENTA L'ARTICOLO