Infortunio Belotti,nessuno di sbilancia sui tempi di recupero


L’infortunio Belotti è ormai un mistero. La contusione al costato, patita contro l’Inter, sembrava potesse essere risolta in pochi giorni, ma l’attaccante del Torino ha già saltato due gare per un problema che sembra irrisolvibile e dargli fastidio soprattutto quando prova a scattare. Una contusione che non gli permette di muoversi agevolmente. Il problema è, di fatto, il dolore. Il danno è alle fibre muscolari, evidenziato anche dagli ultimi esami a cui Andrea Belotti si è sottoposto Il quadro clinico del Gallo non preoccupa più di tanto il Torino, ma la sua evoluzione dipenderà essenzialmente da quando al capitano granata cesserà il forte male che, al momento, lo colpisce anche per una semplice torsione. Figurarsi per un per in calcio al pallone.

Il problema sull’infortunio di Belotti sta venendo monitorato giorno dopo giorno dallo staff medico dei granata e di Mazzarri. Dipende tutto (e molto) da lui, ma sicuramente è da escludere che ci saranno gravi conseguenze e che Belotti debba finire sotto i ferri e quindi subire un lungo stop. Il Torino lo monitorerà giorno dopo giorno, cercando di capirne l’evoluzione clinica, e deciderà solo dopo mercoledì se sottoporlo a nuovi esami oppure provarlo e testarne la guarigione in vista della gara contro l’Hellas Verona. Il rientro di Belotti resta in certo, ma una minima fiducia di vederlo in campo contro l’Hellas resta ed è viva.


COMMENTA L'ARTICOLO