Toro-Cagliari: la pagella granata

Torino-Cagliari 1-1

Sirigu 7 – Non può molto sulla bella conclusione di Nandez. Decisivo sulla gran botta di Simeone ad inizio ripresa, poi è strepitoso sempre sul Cholito: uscita perfetta sull’attaccante del Cagliari. Nel finale alza il muro e para qualsiasi pallone arriva dalle sue parti. 

Izzo 6,5 – Nel primo tempo non è preciso come al solito. Migliora nella ripresa, da applausi la scivolata sul Cholito. 

N’Koulou 6,5 – Il giocatore che era mancato nelle prime giornate. Un muro in difesa, bravissimo nei minuti finali quando mura la conclusione a botta sicura di Simeone. 

Djidji 5,5 – Il gol di Nandez arriva dalla sua zona di competenza. È l’unica sbavatura, ma decisiva. (Dal 59′ Verdi 6 – Entra nella ripresa, gioca come trequartista e riscatta la prova, decisamente brutta, della scorsa settimana. Decisamente meglio quando gioca dietro alle due punte.) 

De Silvestri 5,5 – Spinge poco sulla sua fascia, meglio quando deve difendere anche se dalla sua parte il Cagliari attacca poco. 

Baselli 6 – Nel primo tempo è fra i più intraprendenti, anche se il ruolo un po’ lo penalizza. Col centrocampo a tre dà il meglio, quando deve giocare in un altro ruolo fatica un po’- 

Rincón 6 – Solita grinta in mezzo al campo. Troppo nervoso nel finale, quando rischia di prendere il secondo giallo. 

Aina 5,5 – Per oltre 70 minuti deve provare a contenere Nandez, un’impresa decisamente difficile. Spreca tantissime energie contro il centrocampista del Cagliari, ne risente la sua fase offensiva. (Dal 79′ Laxalt S.V

Ansaldi 5,5 – Gioca in un ruolo non suo, alle spalle della punta, e si vede. Meglio nella ripresa quando Mazzarri inserisce Zaza e Verdi e cambia modulo. 

Falqué 5 – Torna titolare, ma non è ancora nella condizioni migliore e si vede. Un tiro non irresistibile ad inizio partita, poi il nulla.(Dal 46′ Zaza 7 – Ritrova il gol e lo fa in un pomeriggio difficile. Sfrutta bene l’assist di Belotti e trova la sua quinta rete contro il Cagliari.) 

Belotti 7 – Nel primo tempo ha una gran palla gol, ma trova sulla sua strada un ottimo Olsen. Cresce tantissimo nella ripresa, complice anche il cambio di modulo. Serve un assist perfetto per Zaza.

COMMENTA L'ARTICOLO