Il pensiero di un tifoso:”Nkoulou,non ci credo”


“Vorrei provare a mettere insieme un po’ di fatti, non di congetture, tesi complottistiche, pareri personali….solo FATTI.

Nkoulou è il più forte difensore che abbiamo per rendimento, esperienza europea, senso del posizionamento, capacità di lettura e di impostazione.

Nkoulou ha disputato due stagioni praticamente perfette, con pochissime sbavature.
È uno dei difensori con la media voto più alta della serie A.

Nkoulou solo tre mesi fa ha rilasciato un’intervista dicendo che “Torino è casa sua” e Mazzarri “un padre”.
Allo stesso tempo ha dichiarato che stavano discutendo per il rinnovo del suo contratto che scadrà nel 2021.

Nkoulou dopo la partita contro lo Shaktyor è uscito dallo stadio a piedi, incontrando i tifosi e facendo foto e selfie con TUTTI, come sempre gentile e disponibile, non certo con l’atteggiamento di chi se ne vuole andare.

Nkoulou nei due anni che è qui a Torino è sempre stato un esempio di professionalità con i compagni ed i tifosi.

Nkoulou non ha disputato una buona partita contro i Wolves e sul terzo gol ha sbagliato, ma se Izzo avesse speso un cartellino giallo, molto probabilmente gli inglesi non avrebbero segnato.

Nkoulou ha 29 anni ed è in età PERFETTA per essere ceduto negli standard di Cairo: forse è l’ultima occasione buona per lui per tirar su una valanga di grano ed una plusvalenza enorme.

Nkoulou è l’ultimo di una lunghissima serie di giocatori che da una vita ci vengono presentati come lavativi, spaccaspogliatoio, attaccabrighe, finiti, poco attaccati alla maglia.

Il tutto da un presidente che in 14 anni non ha MAI e dico MAI fatto uno sforzo in un qualsiasi mercato per poter dare un qualcosa in più alla squadra.
Che ci ha fatti retrocedere prendendo a gennaio Rivalta e Gasbarroni anzichè gli uomini che servivano.
Che non ha MAI provato ad andare seriamente in Europa ma che ha sempre aspettato che gli cadesse dal cielo.
Che da DUE ANNI non compra nessuno a gennaio.
Che ad oggi, 27 agosto, non ha compiuto UNA SOLA operazione di mercato in entrata, nonostante la squadra sia a pezzi fisicamente, abbia molti infortunati, e sia quasi fuori dall’Europa.

Questi sono tutti FATTI, non sono congetture.

Ognuno tragga le conclusioni che vuole: non mi interessa nemmeno chi abbia ragione o torto, io so da che parte stare.”

Ernesto B.

COMMENTA L'ARTICOLO