Belotti titolare dopo un anno


La prima di due partite per confermare il primo posto nel girone e staccare immediatamente le dirette concorrenti. Sono partite di fine stagione, ma per l’Italia le gare contro Grecia, in programma stasera, e Bosnia, martedì 11 giugno, sono l’occasione per dare prova di superiorità.

La squadra di Roberto Mancini è nettamente la favorita per centrare il primo posto nel gruppo J di qualificazione a Euro 2020, ma ora lo deve dimostrare sul campo. A partire dallo Stadio Olimpico Spyros Louis di Atene, dove il ct ha pronta la carta a sorpresa.

A guidare l’attacco dell’Italia ci potrebbe infatti essere Andrea Belotti, assente dallo scorso settembre dalle liste dei convocati. Per queste due partite di fine stagione Mancini lo ha voluto premiare. Il capitano del Torino potrebbe anche partire immediatamente da titolare, rubando il posto alla folta concorrenza, Insigne e Quagliarella in primis, ma anche Pavoletti, Kean e Immobile.

L’attacco dell’Italia è profondo e ben fornito, ma la chance di giocare da titolare insieme a Bernardeschi e Chiesa dovrebbe essere affiidata al numero 9 granata, arrivato a quota 15 goal ma con una seconda parte di stagione sontuosa.

Per il resto, Mancini è chiamato a due cambi obbligati rispetto al suo undici tipo: in porta l’assenza per infortunio di Donnarumma permette a Sirigu di guadagnare il posto da titolare, mentre a sinistra in difesa EmersonPalmieri prende il posto dell’acciaccato Biraghi (out anche Spinazzola).

La Grecia padrona di casa risponderà con il 4-2-3-1, affidandosi ai goal di Koulouris, con il trio composto da Bakasetas, Fortounis e Masouras ad ispirarlo. Coppia centrale di difesa composta da Papastathopoulos e Manolas.

GRECIA (4-2-3-1): Vlachodimos; Mavrias, Papastathopoulos, Manolas, Koutris; Zeca, Samaris; Bakasetas, Fortounis, Masouras; Koulouris. All. Anastasiadis

ITALIA (4-3-3): Sirigu; Florenzi, Bonucci, Chiellini, Emerson Palmieri; Verratti, Jorginho, Barella; Chiesa, Belotti, Bernardeschi. All. Mancini


COMMENTA L'ARTICOLO