Verdi piace molto,il Toro ci pensa


Una prima stagione con alti e bassi al Napoli per Simone Verdi, condizionato anche da alcuni problemi fisici. Il fantasista classe 1992 è ora diviso tra la possibilità di provare una nuova esperienza e la voglia di riscatto in azzurro. Si valuta il futuro, in caso di partenza la squadra favorita è il Torino. Si tratterebbe di un ritorno, considerato i trascorsi in granata tra il 2011 e il 2013: prima esperienza in Serie B dopo le giovanili del Milan. Ora Verdi è più maturo e, per caratteristiche, rappresenterebbe un’alternativa importante per Walter Mazzarri come spalla di Andrea Belotti.

Al Torino, per motivi tecnici e tattici, farebbe sicuramente comodo uno come Verdi e il calciatore accetterebbe volentieri questa destinazione perché gli permetterebbe di avvicinarsi a casa. Non sarà semplice, però, trattare con il Napoli, per due semplici motivi. Il primo riguarda la cifra che gli azzurri hanno investito appena un anno fa per strappare Simone Verdi al Bologna: ben 25 milioni di euro. Il secondo, invece, riguarda i rapporti tra Cairo e De Laurentiis: tra questi due presidenti le trattative sono sempre state lunghe e difficili. Un aspetto importante, però, potrebbe essere l’ottimo rapporto che Branchini (agente di Verdi e anche di Salvatore Sirigu) ha con il Torino.


COMMENTA L'ARTICOLO