Sirigu:"Torino squadra importante,ma..." - IL TORO SIAMO NOI
Sirigu:"Torino squadra importante,ma..." - IL TORO SIAMO NOI
Sirigu:"Torino squadra importante,ma..." - IL TORO SIAMO NOI
Sirigu:"Torino squadra importante,ma..." - IL TORO SIAMO NOI
Sirigu:"Torino squadra importante,ma..." - IL TORO SIAMO NOI

Sirigu:”Torino squadra importante,ma…”


Salvatore Sirigu, portiere del Torino, ha parlato a La Stampa, raccontando le sue sensazioni e parlando anche del suo futuro. L’estremo difensore ha parlato bene di Torino e del Toro ma non ha chiuso le porte a un possibile addio: «Non posso sapere cosa accadrà in futuro. Torino è una stazione importante: quando il presidente mi ha chiamato ho detto di sì per riportare in alto la squadra e me stesso. Se dovesse arrivare un’offerta valuteremo con calma i pro e i contro, ci siederemo e ne parleremo».

Ecco invece le parole di Sirigu sulla stagione: «Con il Bologna è stato quasi naturale perdere, dopo il filotto di buoni risultati, ma non è stata una disfatta. La partita da Toro? Quella in casa con la Fiorentina. Per noi sardi il calcio è il Cagliari. Ma essere andato via dalla Sardegna mi ha fatto crescere come uomo. A Venezia sono stato anche sette mesi senza vedere la mia famiglia e avevo 15 anni. Milan? Noi conosciamo la nostra forza e i nostri limiti. Dobbiamo essere molto contenti di giocare una sfida che fa capire dove è arrivato il Torino. Siamo stati molto regolari e la continuità ha pagato. Già giocarti qualcosa di importante contro il Milan, che ha il carattere di Gattuso, deve darci leggerezza, la tensione quasi non deve esistere».