Mazzarri e i suoi giocatori:"Una volta Nkoulou è venuto al Fila in pigiama..." - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri e i suoi giocatori:"Una volta Nkoulou è venuto al Fila in pigiama..." - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri e i suoi giocatori:"Una volta Nkoulou è venuto al Fila in pigiama..." - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri e i suoi giocatori:"Una volta Nkoulou è venuto al Fila in pigiama..." - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri e i suoi giocatori:"Una volta Nkoulou è venuto al Fila in pigiama..." - IL TORO SIAMO NOI

Mazzarri e i suoi giocatori:”Una volta Nkoulou è venuto al Fila in pigiama…”


Mazzarri ha voluto svelare alcuni aneddoti, come quello legato alla grande eccentricità di uno dei pilastri della sua formazione, quel Nicolas Nkoulou che spesso si presenta agli allenamenti con abiti molto originali.

“Ogni tanto arriva al Fila vestito in modo… come dire… curioso. Simpatico. Divertente. Un giorno si presentò con addosso un vestito che sembrava un pigiama. A quei livelli non era mai giunto! Così non appena lo vidi gli dissi: ascolta, se mi dici dove hai comprato un vestito così bello, domani vado anch’io a comprarlo!”.

Un rapporto, quello che Mazzarri prova sempre a creare con i propri calciatori, di complicità. Per l’allenatore granata avere un gruppo unito è infatti un aspetto fondamentale per lavorare nel migliore dei modi. Lo dimostra la scelta di far capire a tutti l’importanza del rispetto reciproco.

“I giocatori non amano stare in panchina. Nessuno ama la panchina. Per cui a un certo punto mi accorsi che alcuni mi salutavano perbene, quando ci ritrovavamo al campo, soltanto se alla domenica prima erano stati titolari. Altrimenti facevano finta di non vedermi. A turno, diversi giocatori si comportavano così. Per cui, dopo l’ennesima volta, radunai tutta la squadra e dissi loro: facciamo così, evitiamo proprio di salutarci, d’ora in poi. A me va bene lo stesso. Come hanno reagito? Nel modo migliore: ho tutti ragazzi intelligenti. Qualcuno si mise a ridere, qualcun altro diventò rosso. Ma in realtà, da quel momento, ci si saluta sempre tutti con simpatia e rispetto, senza più retropensieri. Proprio perché ormai il concetto del bene di squadra è stato metabolizzato da tutti”.

Un’unione che ha portato il Torino all’attuale settimo posto in campionato, con un piazzamento in Europa League da provare a giocarsi fino al termine della stagione. Un traguardo che Mazzarri vuole provare a centrare come ai tempi della Sampdoria.