L’agente di Pereyra conferma:”Piace a Mazzarri”


L’agente di Roberto Pereyra, Sergio Furlan, ha parlato del futuro del suo assistito, cercato con insistenza dal Torino.

Il Torino è sulle tracce di Roberto Pereyra, centrocampista offensivo ex Juve, ora al Watford. La conferma arriva da Sergio Furlan, procuratore del giocatore argentino. L’agente ha parlato a Tuttosport e ha ammesso l’interesse dei granata nei confronti del suo assistito: «Il 2018 ha rappresentato il momento del suo decollo. Ha segnato una dozzina di gol in un anno solare, non lo aveva mai fatto, e stiamo parlando di un centrocampista e non di un centravanti. Lui parte da sinistra per accentrarsi. L’allenatore lo sta sfruttando in questa posizione e sta facendo molto bene».

Furlan ha parlato anche del futuro: «Lui piace a Mazzarri ma anche a Sarri, Maxi ha grande stima di Mazzarri perché è uomo sincero, è un grande allenatore e sa far rendere i giocatori al massimo. Si è trasferito in Premier League dopo il biennio con la Juventus proprio grazie a Mazzarri. Il tecnico lo volle con sé nel 2016 al Watford ma posso dire che lo aveva cercato già nel 2012 ai tempi del Napoli. Se Mazzarri lo voleva in estate al Toro? Sì, confermo. Ci sono stati contatti ma le richieste degli inglesi furono ritenute eccessive, non posso negarlo. Affare a gennaio? Nel mercato non si può mai dire ma tendo a escluderlo quasi categoricamente. Ci ha provato anche il Chelsea ma senza riuscirci. Al Toro in estate? Mi stupirebbe se i granata non facessero un tentativo però bisogna vedere i desideri di Maxi, i piani del Watford, le offerte che arriveranno. Lui vuole tornare a giocare in Europa, possibilmente in Champions».

“In queste settimane ci ha provato anche il Chelsea, è vero. Ma pure loro senza trovare una breccia. Maxi è un pallino pure di Sarri, anche se non lo ha mai allenato. Lo voleva al Napoli nel 2016. Difatti all’epoca ne parlai ripetutamente con De Laurentiis. Sembrava cosa fatta. Ma poi l’operazione Higuain-Juve fece saltare tutto, improvvisamente”


COMMENTA L'ARTICOLO