Mazzarri,il Toro e gli arbitri,una battaglia persa - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri,il Toro e gli arbitri,una battaglia persa - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri,il Toro e gli arbitri,una battaglia persa - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri,il Toro e gli arbitri,una battaglia persa - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri,il Toro e gli arbitri,una battaglia persa - IL TORO SIAMO NOI

Mazzarri,il Toro e gli arbitri,una battaglia persa


Mazzarri non si può sicuramente considerare come uno dei tecnici più tranquilli della Serie A: numerosi sono stati i casi anche in passato in cui ha tentato di farsi valere nei confronti degli arbitri, cercando di ottener quella giustizia per torti arbitrali di cui la sua squadra era stata vittima.

Anche in questa stagione al Torino l’allenatore toscano non è stato da meno, e numerose volte si è ritrovato a protestare nei confronti del direttore di gara. Ultimo caso è stato quello della partita di ieri contro il Sassuolo, in cui il tecnico si è lamentato per un mancato rigore su Zaza. Ma ecco gli altri casi:

  • TORINO-ROMA: il primo caso si ha subito alla prima giornata, con una spinta di Fazio su Iago Falque che l’arbitro non ritiene fallosa.

  • UDINESE-TORINO: in questa situazione le proteste di Mazzarri avvengono a causa del clamoroso errore di Valeri che non ha convalidato la regolarissima rete di Berenguer, sullo 0-0, per un fuorigioco segnalato dal guardalinee ma poi smentito dal Var: in quel caso l’arbitro non avrebbe dovuto fermare il gioco prima che il pallone colpito di testa dallo spagnolo entrasse.

  • TORINO-NAPOLI: Mazzarri si fece sentire per il mancato secondo giallo a Koulibaly per aver allontanato la palla.

-TORINO-FROSINONE: proteste per il primo gol degli ospiti, viziato da evidente carica sul portiere granata Sirigu.

Contro Bologna, Fiorentina, Parma, Juventus e appunto Sassuolo invece l’allenatore ex Napoli e Inter si è arrabbiato per dei rigori non concessi al suo Torino, anche se in alcuni di questi casi le decisioni prese dall’arbitro non sono poi sembrate scorrette.

Mazzarri spesso ha combattuto alcuni di questi torti da solo, in altri casi è stato appoggiato anche dal presidente Urbano Cairo. In determinati casi, per le sue proteste, è stato anche allontanato dal campo, come contro Fiorentina e Milan. Tutte queste battaglie però non hanno portato a molto, dato che gli errori nei confronti del Torino non sembrano essere diminuiti.