Il duro atto d'accusa di Cantona contro il calcio moderno - IL TORO SIAMO NOI
Il duro atto d'accusa di Cantona contro il calcio moderno - IL TORO SIAMO NOI
Il duro atto d'accusa di Cantona contro il calcio moderno - IL TORO SIAMO NOI
Il duro atto d'accusa di Cantona contro il calcio moderno - IL TORO SIAMO NOI
Il duro atto d'accusa di Cantona contro il calcio moderno - IL TORO SIAMO NOI

Il duro atto d’accusa di Cantona contro il calcio moderno


“Viviamo in tempi di povertà diffusa, guerra e immigrazione. Ci sono molte più persone nel mondo che non possono permettersi di comprare un pallone rispetto a quelle che possono permettersi di spendere 200 euro per vedere una partita di Premier League o di spenderne 400 per un anno di abbonamento alla TV.
Il calcio è uno dei maestri più importanti. È una delle fonti di ispirazione più grandi della vita. Ma il business model attuale del calcio ignora troppe cose del mondo. I quartieri poveri hanno bisogno del calcio almeno quanto il calcio ha bisogno dei quartieri poveri. Abbiamo bisogno di creare un calcio più sostenibile, positivo e inclusivo, e io farò tutto quello che è in mio potere per essere d’aiuto”. (Eric Cantona annuncia così il suo ingresso in Common Goal, l’organizzazione di beneficenza lanciata da Juan Mata.)